Dopo avervi raccontato il processo di Salem, la Scuola di Magia e Stregoneria di Ilvermoony e la segregazione dei maghi americani, in attesa di vedere finalmente in sala l’atteso Animali Fantastici e dove trovarli, ecco che oggi J.K  Rowling torna su Pottermore con il quarto e ultimo racconto sulla Magia nel Nordamerica, descrivendoci questa volta il Magico Congresso degli Stati Uniti d’America, anche detto MACUSA.

L’autrice ci spiega che il Congresso è stato modellato sul Consiglio dei Maghi della Gran Bretagna, precedente al Ministero della Magia. Il compito del MACUSA era inizialmente quello di creare leggi apposite per regolare e proteggere la stirpe dei maghi americana. Primo obiettivo fondamentale era quindi l’eliminazione degli Spazzini, maghi corrotti che davano la caccia ad altri esseri magici per puro guadagno. Secondo ma comunque importante traguardo era la registrazione di ogni mago rifugiato in America, un arduo compito, inizialmente, a causa della mancanza di un organo di polizia.

Vi riportiamo l’incipit di seguito: «Il Magico Congresso degli Stati Uniti d’America, conosciuto da streghe e maghi americani con l’abbreviazione di MACUSA, fu fondato nel 1693 in seguito all’introduzione dello Statuto Internazionale di Segretezza. Maghi e streghe di tutto il mondo avevano raggiunto un punto critico, e sospettavano che costruendo una comunità clandestina con istituzioni e strutture di supporto proprie avrebbero vissuto vite più libere e felici. Questa sensazione era particolarmente forte in America, per via dei recenti Processi alle streghe di Salem…» (Per leggere l’intero racconto vi invitiamo a visitare la pagina di Pottermore).

Vi ricordiamo anche che Animali Fantastici e dove trovarli uscirà nelle nostre sale il prossimo 17 novembre. Ecco il video del racconto sul MACUSA:

© RIPRODUZIONE RISERVATA