Sarà Spike Lee il presidente della giuria alla 74° edizione del Festival di Cannes, in programma dal 6 al 17 luglio 2021 nell’omonima città francese.

Una notizia che non giunge inaspettata, considerando che il regista americano era stato scelto per ricoprire il ruolo già nel 2020, prima che l’appuntamento con la manifestazione venisse cancellato a causa della pandemia. La sua nomina lo aveva reso – e lo renderà – il primo presidente di giuria afroamericano nella storia della kermesse.

A tal proposito Pierre Lescure, Presidente del Festival di Cannes, ha dichiarato:

«Durante i mesi incerti che abbiamo vissuto, Spike Lee non ha mai smesso di tifare per noi. Questo sostegno si sta finalmente concretizzando e non potevamo sperare in una personalità più potente in questi tempi così difficili. Il suo entusiasmo e la sua passione per il cinema ci danno maggiore energia per prepararci al grande Festival che tutti aspettano. Siamo molto impazienti!»

Lo scorso anno, Spike Lee aveva fatto sapere di sentirsi onorato per l’offerta ricevuta:

«Nella mia vita, le più grandi benedizioni sono arrivate sempre in maniera inaspettata, dal nulla. Quando ho ricevuto la chiamata che mi offriva l’opportunità di essere presidente della giuria di Cannes per il 2020, sono rimasto scioccato, felice, sorpreso e orgoglioso allo stesso tempo. […] Questo Festival (oltre ad essere il più importante al mondo – senza mancare di rispetto a nessuno) ha avuto un grande impatto sulla mia carriera cinematografica. Si potrebbe facilmente dire che abbia cambiato la traiettoria di quello che sono diventato nel panorama del cinema mondiale. […] Sono dunque onorato di essere la prima persona della diaspora africana negli Stati Uniti ad essere nominata presidente della giuria di Cannes e di un festival cinematografico così importante.»

Vincitore di diversi premi nel corso della sua carriera – tra cui l’Oscar alla Migliore sceneggiatura non originale per BlackKklansman – Lee ha diretto, tra gli altri titoli, opere di culto come Lola Darling, Malcolm X, He Got Game e Inside Man. Il suo ultimo film, Da 5 Bloods, ha appena ottenuto una candidatura agli Oscar per la Migliore colonna sonora a Terence Blanchard.

Foto: Getty (LISA O’CONNOR)

Fonte: Cannes 

© RIPRODUZIONE RISERVATA