La serie, che concorrerà a sei premi nei prossimi Emmy Awards, vanta di una squadra di visual editor davvero eccezionale e questo video dietro le quinte ne è la dimostrazione. Realizzato dal VFX Studio Pixomondo, mostra non soltanto le scene migliori della seconda stagione della saga oltre al modo in cui sono state realizzate, ma, grazie all’utilizzo di transizioni e sovrapposizioni ad hoc, è di per se un piccolo gioiello per gli amanti della saga (ve ne avevamo dato un piccolo assaggio già in questa news)

Attenzione particolare è stata data ai dettagli dei draghi di una delle protagoniste più amate, la Khaleesi Daenerys. Il video mostra nel dettaglio la sovrapposizione dei vari “strati” che costituiscono queste creature fantasy, si parte infatti dalle ossa passando per i muscoli e la pelle, arrivando infine alla corazza.

La battaglia delle acque nere (presente nel nono episodio  “Blackwater”) e la scena di chiusura dell’ultima puntata, “Valar Morghulis”, sono quelle che hanno richiesto più lavorazione in termini di girato e di editing in post produzione, perché prevedevano un’interazione maggiore fra gli attori e gli altri elementi presenti nella sequenza, creati invece in digitale.

Interessante inoltre vedere come le location “reali” vengano modificate con i digital effects. Approdo del Re, la capitale dei sette regni, non presenta infatti tutte le imponenti strutture ricavate dalla roccia bianca. Lo stesso discorso vale per Pyke, dove le torri che costituiscono il castello, e i ponti che le collegano, sono ricreate mediante visual effects.

Non ci resta che guardare e riguardare questo video nell’attesa del prossimo dietro le quinte della terza stagione, le cui riprese sono in corso, e che sarà trasmessa dalla HBO negli Usa a partire dal 31 marzo 2013.

Guarda tutti i nuovi personaggi della terza stagione de Il trono di spade

Guarda tutti i dettagli del cofanetto della prima stagione di Game of Thrones disponibile dal 3 ottobre

Qui sotto potete trovare il video rilasciato dal VFX Studio Pixomondo:

Fonte: Collider

© RIPRODUZIONE RISERVATA