Il cinema ci ha insegnato che la realtà può essere riprodotta nelle immagini in movimento, che il passare del tempo non perturba l’immagine cinematografica, e che quello che il cinema fissa nella sua memoria diventa memoria collettiva, eterna.

Con questo spirito vogliamo ricordare le star che ci hanno lasciato quest’anno. Il 2014 ci ha costretto a dire addio ad attori che difficilmente dimenticheremo, soprattutto per quei ruoli che sono e saranno impressi per sempre nella nostro bagaglio di immagini. Philip Seymour Hoffman, compianto tanto nei titoli di coda del suo ultimo film, Hunger Games: il canto della rivolta – parte I, quanto nei due film usciti quest’anno in Italia per ricordarlo: A Most Wanted Man e Synechdoche New York. Robin Williams, indimenticabile in una delle pellicole che ha forgiato la nostra infanzia come Mrs Doubtfire e poi la nostra adolescenza come L’attimo fuggente? Ma anche registi, come Alain Resnais, maestro della Nouvelle Vague, che proprio poche settimane prima di morire era stato premiato a Berlino per Aimer, Boir et Chanter a 91 anni, e Mike Nichols, a cui dobbiamo capolavori come Il Laureato e Closer.

Nel dedicare loro il nostro piccolo “in memoriam” li vogliamo rendere eterni con un’immagine, un fotogramma, che tutti ricordiamo. Un’occasione per salutarli in modo non definitivo e continuare ad amarli per sempre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA