La piccola Rubina Ali, la giovane Latika protagonista del pluripremiato film di Danny Boyle The Millionaire, è stata messa in vendita per 200mila sterline (pari a circa 225.000 euro) dal padre, che voleva diventare egli stesso un milionario. Lo ha scoperto il settimanale britannico News of The World. Rafiq Qureshi, il genitore della bimba di nove anni, ha smentito la notizia dopo la pubblicazione da parte della testata inglese, che ha inviato a Mumbai (India) dall’uomo un falso sceicco e la sua sedicente moglie (due reporter sotto falso nome) per contrattare l’adozione. Secondo il magazine, il padre della bimba avrebbe preso la decisione spinto dalle estreme condizioni di povertà: la dolce Rubina, infatti, rappresenterebbe l’unica chance per la famiglia di lasciare il tugurio di Bandra di Mumbai. Stando a quanto riportato dal settimanale, Rafiq avrebbe cercato di giustificare il suo gesto con la coppia, spiegando così la sua scelta: «Devo pensare cosa è meglio per me, la mia famiglia e il futuro di Rubina». L’uomo avrebbe, inoltre, accusato i produttori di Hollywood di averlo costretto a mettere in vendita sua figlia: «Non abbiamo ricevuto nessun compenso per il film». Dopo queste premesse, avrebbe sussurrato il “prezzo” alla coppia: «Sono 200mila sterline!». Una cifra quattro volte superiore a quella pattuita inizialmente e che sarebbe stata giustificata così da Mohiuddin, lo zio della dolce Rubina presente alla trattativa: «Questa è una bambina speciale, non è come tutte le altre: è una bambina da Oscar!». Ma non è la prima volta che uno dei bimbi protagonisti della pellicola di Boyle, paga caro il “marchio” del premio dell’Academy. Due mesi fa, infatti, il “collega” Azharuddin Mohammed Ismail (che interpretava Jamal da piccolo) è stato picchiato dal padre per non aver voluto rispondere alle domande dei giornalisti. Nella foto di News of The World vediamo Rubina e il padre al centro. Accanto a loro i due giornalisti che hanno realizzato lo scoop, fingendosi una ricca coppia interessata all’adozione. A sinistra lo zio della bambina.

Em.Iu.

© RIPRODUZIONE RISERVATA