L’apocalisse predetta dai Maya e raccontata da Roland Emmerich nel suo disaster movie, 2012, ha fatto tremare i botteghini nazionali e internazionali questo weekend facendo registrare il 9° miglior debutto con 225 milioni di dollari incassati nel mondo e guadagnando il top della classifica italiana con 5,1 milioni di euro. (Se hai visto il film, dai il tuo giudizio su Best Movie). Ma oltre alla nuova pellicola catastrofica del regista teutonico, sono altre due le novità del fine settimana cinematografico: il drammatico Gli abbracci spezzati di Pedro Almodovar, terzo con 1 milione di euro, e il thriller con Michael Douglas Un alibi perfetto, settimo con 390 mila euro. Resta sul podio, perdendo la pole position del debutto, Nemico pubblico di Michael Mann, secondo con 1,1 milioni di euro incassati questo weekend e 3,9 milioni di euro totali. Resistono bene il nuovo capolavoro Disney Pixar Up, che raggiunge 14,8 milioni di euro in 5 settimane e la pellicola doi Terry Gilliam Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo, che totalizza 6,9 milioni di euro. Chiude la top ten il documentario musicale sul tour mancato di Michael Jackson This is it, che totalizza 4 milioni di euro in 3 settimane, strappando (con 197 milioni di dollari) il record di maggiore incasso mondiale per un film concerto, detenuto finora da Hannah Montana/Miley Cyrus: Best of both worlds concert tour (70,6 milioni di dollari). Confermandosi come il maggiore incasso della carriera di Quentin Tarantino, lascia la classifica, Bastardi senza gloria, che ha totalizzato 9,1 milioni di euro in 7 settimane (il precedente record per il maestro pulp era stato Kill Bill 1 nel 2003 con 5,3 milioni di euro). Lasciano la top ten anche la commedia Julie & Julia con Meryl Streep e Amy Adams (1,8 milioni di euro in 4 settimane), e il fantasy di Spike Jonze, Nel paese delle creature selvagge (599 mila euro in 3 settimane).

© RIPRODUZIONE RISERVATA