Ormai film d’animazione sembra sinonimo di garanzia. Specialmente se è targato Disney Pixar. Come da previsioni WALL-E (per vedere la photogallery del film cliccate qui) è stato infatti il film più visto del weekend, anche se la cifra registrata dal film (2,6 milioni di euro ) è inferiore a quella ottenuta al debutto dal suo fratello maggiore Ratatouille . Il topolino gourmet di casa Pixar l’anno scorso aveva infatti esordito nelle nostre sale con 4,4 milioni di euro. Il tenero robottino ammassa rifiuti WALL-E è stato battuto anche dal “collega” Po, protagonista della pellicola DreamWorks Kung Fu Panda , che aveva debuttato a sua volta (l’ultima settimana di agosto) con 4,4 milioni di euro.  Non resta che attendere e vedere come si comporterà il film nelle prossime settimane. Non si scosta dalla sua ultima performance il nuovo film di Woody, Allen Vicky Cristina Barcelona che con 1,6 milioni di euro ha replicato il risultato di Sogni e delitti , che a febbraio  aveva incassato 1,7 milioni di euro. Regge bene il musical con Meryl Streep Mamma Mia! che alla sua terza settimana ha registrato 1,1 milioni di euro totalizzando così 5,8 milioni di euro. Scende del  41% il film di Vincenzo Salemme No problem , che con 848 mila euro passa dalla seconda alla quarta posizione arrivando a quota  2,7 milioni di euro: a metà strada rispetto al risultato del suo film precedente Sms – Sotto mentite spoglie che aveva incassato 5,2 milioni. Performance positiva per La classe – Entre le murs , vincitore della Palma d’oro all’ultimo festival di Cannes, che risale di due posizioni rispetto alla scorsa settimana, registrando un più 4% negli incassi. Chiude la classifica la commedia-remake di Diane English The Women , che non raggiunge ancora il milione di euro fermandosi a quota 715 mila euro. Lascia la top ten il film dei fratelli Coen Burn After Reading , che ha incassato 5,7 milioni in cinque settimane di programmazione, e il poliziesco con Al Pacino e Robert De Niro Sfida senza regole che arriva al capolinea con 3,1 milioni di euro.

Al.Za.

© RIPRODUZIONE RISERVATA