Clint Eastwood conquista il vertice della classifica Usa nel secondo weekend di gennaio con Gran Torino , film che lo vede in veste di regista e attore e che ha fatto registrare il maggiore incasso d’esordio (è nelle sale dal 12 dicembre, ma la distribuzione massiccia è partita venerdì 9 gennaio) per un suo film, 29 milioni di dollari, (come riportato dal sito specializzato Box Office Mojo, che indica anche Filo da torcere del 1978 come unica migliore performance calcolando l’inflazione). Secondo e terzo posto sono occupati da altre due new entry: la commedia “matrimoniale” Bride Wars con Anne Hathaway e Kate Hudson, che ha incassato 21,5 milioni di dollari, e l’horror-thriller The Unborn di David S. Goyer, che ne ha incassati 21. Scende al quarto posto il capolista di settimana scorsa Io & Marley con protagonisti Owen Wilson e Jennifer Aniston, che tocca i 123,7 milioni di dollari complessivi. Lo segue, con 94 milioni di dollari di box office in tre settimane, Il curioso caso di Benjamin Button con protagonisti Brad Pitt e Cate Blanchett. Occupa la nona posizione la new entry Not easily broken, film drammatico del regista e attore Bill Duke, seguito in decima da Sette anime di Gabriele Muccino, che registra un incasso di 66,8 milioni di dollari in quattro settimane di programmazione e aggiunge a questo la buona performance italiana che lo vede capolista nel suo weekend d’esordio con 3,8 milioni di euro. Dopo nove settimane e 34 milioni di dollari d’incasso lascia la classifica il film di Danny Boyle The Millionaire (premiato ieri con quattro Golden Globes). Sono stati infine Le avventure del topino Desperaux e Il dubbio a cedere il posto alle new entry e lasciare la classifica dopo quattro e cinque settimane.

Al.Za.

© RIPRODUZIONE RISERVATA