Accolti da stuoli di fan che nemmeno loro sapevano ancora di avere, i tre giovani interpreti di New Moon hanno incendiato il Festival di Roma con la loro presenza. Scelti dalla produzione per rappresentare il cast del film che vedremo in sala il prossimo 18 novembre, Cameron Bright, Jamie Campbell Bower e Charlie Bewley hanno assolto a tutti i loro doveri da astri nascenti di Hollywood concedendo interviste, firmando autografi, solcando avanti e indietro il red carpet allestito in loro onore e sorridendo alle telecamere e ai teleobiettivi (clicca qui per vedere i tre sul red carpet del festival).

Seppur giovanissimi, due di loro hanno già incrociato il cammino di star di prima grandezza e non possono dirsi certo alle prime armi. Cameron Bright (canadese, classe 1993) calca le scene già dall’età di 7 anni e ha sul curriculum un film, Io sono Sean (2004), in cui recitava al fianco di Nicole Kidman (che lo credeva la reincarnazione del suo defunto marito); Jamie Campbell Bower (inglese, classe 1988) ha invece diviso il set con Johnny Depp in Sweeney Todd di Tim Burton ed è stato scritturato per gli ultimi due capitoli della saga di Harry Potter. Insieme al loro collega Charlie Bewley (che invece debutta sul grande schermo proprio con New Moon), i tre (smessi i panni lugubri e rimessi quelli di tre normali e trendy teenager) hanno saputo consolare le twilighters orfane dei loro idoli Robert Pattinson e Taylor Lautner, impegnati sul set del terzo film (Eclipse), godendosi il bagno di folla e rispondendo alle curiosità di fan e giornalisti.

Best Movie li ha intervistati per voi. Leggete l’intervista sotto la foto:

In ordine Charlie Bewley, Cameron Bright e Jamie Campbell Bower posano per Best Movie durante l’incontro di ieri al Festival di Roma

Best Movie: Voi credete ai vampiri?

Charlie Bewley (Demetri): Io credo sia un po’ mito e un po’ realtà. Sappiamo che queste storie provengono dall’Europa dell’est, dove c’era una popolazione che era anemica e quindi andava in giro a riesumare i corpi per potersi curare. Quindi ci credo a metà.

Cameron Bright (Alec): Se leggiamo nei libri di storia, scopriamo che persone di diverse parti del mondo – quindi che non potevano essere in contatto tra di loro – parlano di vampiri e di licantropi. E questo è curioso…

Jamie Campbell Bower (Caius): Sì io credo ai vampiri. Credo alla fatina dei denti, a Babbo Natale e anche agli unicorni. (ridono tutti)

B.M.: Ci potete dire che tipo di vampiri siete voi nel film?

C.B.: Io sono Demetri, una delle guardie dei Volturi. Un personaggio molto “fisico” con un ruolo d’azione…

C.B.: Io sono Alec, il fratello di Jane (interpretata da Dakota Fanning). La cosa divertente è che sia io che mia sorella Jane ci siamo uniti ai Volturi quando eravamo ancora due ragazzini. Lei è temutissima per i suoi poteri e nessuno osa prendersela con lei e di conseguenza nessuno osa prendersela nemmeno con suo fratello… Io sono un po’ un factotum che fa tutto quello che gli viene ordinato di fare.

J.C.B.: Io sono Caius uno dei tre Volturi Reali e non ho alcun potere speciale purtroppo. Ma sono comunque terribile…

B.M.: Com’è stato girare in Italia? E cosa pensate delle fan italiane?

C.B.: Io sono l’unico che è venuto in Italia a Montepulciano per girare sul set. Un set bellissimo, enorme, hollywoodiano. L’ho trovata una cittadina splendida con una grande ospitalità. C’erano circa 5.000 ragazze che urlavano. Tutte molto educate, però urlavano. Un’esperienza fantastica sia per il cast che per la produzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA