A me che me ne frega amme, direte voi. Ma tanto non ci caschiamo, ci scommettiamo quello che volete che non stavate più nella pelle per la data di uscita del primo lungometraggio di Maccio Capatonda, Italiano Medio.

Allora inaugurate il calendario 2015 e segnatevelo per il 29 gennaio.

Marcello Macchia, in arte Maccio, porta sul grande schermo una reinterpretazione di uno dei suoi sketch più noti ma anche più impegnati. Nel lungometraggio si racconterà la vicenda di Giulio Verme, un ambientalista quasi quarantenne che vive una crisi depressiva a causa di un ostinato malcontento verso il mondo che lo circonda, dove tutto va per il verso sbagliato. Incapace di interagire con i colleghi, i vicini e la famiglia, Giulio troverà temporaneo sollievo nell’associazione ambientalista Mobbasta, con cui combatterà contro lo smantellamento di un parco cittadino a Milano. L’impresa fallisce e, ormai senza speranze, nel momento più inaspettato si affaccia per lui una nuova possibilità: Giulio incontra Alfonzo, un vecchio amico che gli offre una pillola miracolosa in grado di fargli usare solo il 2% del cervello, anzichè il 20. Grazie all’intervento medicamentoso, il protagonista si abbandonerà ai vizi e alle passioni più mediocri, in un’involuzione che cambierà la sua vita e lo porterà alla fama.

La pellicola, che vede la partecipazione degli immancabili sodali di Maccio, Herbert Ballerina (Luigi Luciano), Rupert Sciamenna (Franco Mari), Anna Pannocchia (Adelaide Manselli) e Ivo Avido (Enrico Venti), avrà un ospite d’eccezione: Nino Frassica.

Mentre aspettiamo nuovi dettagli, che non mancheremo di comunicarvi, vi proponiamo il video da cui tutto ha avuto origine!

Qui, invece, potete guardare la nostra intervista a Marcello Macchia in occasione del Lucca Comics 2014.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA