«Ho letto le sceneggiature, ho guardato i montaggi, ho parlato con registi e sceneggiatori e ho dato le mie opinioni. Occasionalmente potrebbe esserci una scrittura. Ma non sto cercando di intrufolarmi nei progetti degli altri, sto solo cercando di essere d’aiuto. Ogni volta che lavori ad un progetto è una piccola vacanza dal progetto a cui sta lavorando nelle altre 23 ore. E se io sono troppo stanco e non ce la faccio ad aiutarli, loro lo capiscono, va bene per loro».

Continua l’intervista: La difficoltà di adattare il personaggio di Hulk al cinema

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA