Justice League Snyder Cut

L’attesa per lo Snyder Cut della Justice League è ancora tutta da vivere e chissà se il nuovo montaggio firmato da Zack Snyder del cinecomic del 2017 potrebbe lasciare aperta la porta per dei sequel: una prospettiva che tanti fan della DC sognano, con maggiori o minori percentuali di convinzione sulla sua reale fattibilità. Qualcuno, però, ne è addirittura convinto: stiamo parlando, in particolare, del regista Kevin Smith.

L’attesissimo director’s cut in uscita su HBO Max entro la fine dell’anno e preceduto dalla campagna e mobilitazione dei fan Release the Snyder Cut potrebbe infatti far tornare d’attualità molti di quei piani a lungo termine del cineasta per il DCEU, compreso un secondo film sulla Justice League (archiviato dopo i risultati non soddisfacenti del cinecomic uscito al cinema a firma Joss Whedon).

Le prime fasi del vecchio DCEU, infatti, hanno tracciato un piano di più film che rispecchiava il Marvel Cinematic Universe e lo stile dei suoi modelli produttivi. Le tiepide recensioni de L’uomo d’acciaio e progetti interlocutori come Batman vs. Superman e Justice League hanno spinto la Warner Bros. ad agire diversamente (film come Shazam! e Joker hanno avuto successo in netta indipendenza dal DCEU), ma le cose potrebbero certo cambiare.

Mentre personaggi della Justice League come Aquaman, The Flash e Wonder Woman sono andati avanti con ulteriori film standalone, ma lo Snyder Cut potrebbe inaugurare la via giusta per tornare a quel piano originale. Il regista Kevin Smith, cineasta principe dei nerd se così possiamo definirlo, ha parlato dell’argomento nel suo podcast Fatman Beyond, asserendo che la nuova versione di Justice League non lesinerebbe spiragli per possibili sequel.

«Ho saputo che il finale dello Snyder Cut non è un vicolo cieco come quello visto al cinema – ha detto Smith – Porta tutto in una zona strana, ma non è un cul-de-sac. Potrebbe f*****mente andare avanti con la storia, in base a quello che ho sentito da un amico».

Lo stile di Zack Snyder, dopotutto, presenta la megalomania giusta per lasciare aperte molte porte per altrettante storie e stando a quanto è arrivato all’orecchio di Smith (chissà da chi, poi!) le premesse intavolate sarebbero proprio queste. Non ci resta che aspettare lo Snyder Cut per saperne di più in merito e scoprire se la piattaforma HBO Max possa diventare, ad esempio, un efficace ago della bilancia per il rilancio del multiverso DC (ovviamente nel frattempo vi terremo aggiornati in merito).

Lo Snyder Cut, lo ricordiamo, durerà quattro ore e sarà disponibile anche in diverse versioni, come ad esempio una mini-serie da quattro episodi e un’edizione in bianco e nero.

Fonte: Fatman Beyond, Screen Rant

© RIPRODUZIONE RISERVATA