Negli ultimi giorni – in seguito ad un’intervista in cui Quentin Tarantino alludeva alla possibilità di realizzare un terzo capitolo – si è tornato a parlare parecchio di Kill Bill, acclamato franchise del 2003 con protagonista Uma Thurman, le cui vicende si sono apparentemente concluse nel 2004, con il secondo volume che ci mostrava Beatrix Kiddo portare a termine la sua vendetta.

Due film che potrebbero essere visti come un’opera unica, tanto che in molti, nel corso degli anni, si sono effettivamente domandati se Tarantino avesse concepito Vol. 1 e Vol. 2 come due titoli distinti, o – appunto – se siano stati separati per necessità di distribuzione. Ebbene, il regista ha finalmente risposto al quesito: Kill Bill è un unico film.

Spiega l’autore:

«Tecnicamente lo abbiamo distribuito come se fossero due film, con tanto di credits di apertura e chiusura in ognuno. Ma visto che io l’ho realizzato come un unico titolo e l’ho scritto come se fosse un’opera sola, sì è un singolo film.»

In effetti, distribuire un’opera di ben quattro ore – nonostante la fama del suo regista – sarebbe stato piuttosto rischioso per la produzione. E Tarantino, dopotutto, si dice soddisfatto del risultato finale:

«Così funziona davvero bene. Il punto è che non credo avrebbe avuto lo stesso successo come film da quattro ore. Una volta un tipo me lo ha detto letteralmente: ‘Quentin, il punto è questo. Mio zio adora questo film, ma non lo avrebbe adorato allo stesso modo se fosse durato quattro ore’.»

Fonte: Collider

© RIPRODUZIONE RISERVATA