«Il terzo capitolo di Kill Bill non s’intitolerà Kill Bill Vol. 3». A parlare (a MTV) è Quentin Tarantino, padre di questa “saga” che nel giro di due anni (il 2003 e il 2004, quando sono usciti i primi due episodi) ha incassato più di 300 milioni di dollari in tutto il mondo, e migliaia di fan, che insieme alla Sposa (la protagonista, interpretata da una splendida Uma Thurman perfettamente a suo agio nella celebre tuta di latex gialla) hanno sofferto, lottato, sperato e infine portato a termine la “sua” missione: (attenzione SPOILER) uccidere Bill. Il titolo provvisorio potrebbe essere Il terzo capitolo della storia della Sposa, ma dal momento che è ancora tutto molto incerto, «non c’è ancora uno script, solo qualche idea e degli appunti», anche il titolo molto probabilmente cambierà. Così come la data di uscita. Qualcuno parla del 2014, perché in una precedente intervista (tra l’altro rilasciata lo scorso ottobre dal regista a Serena Dandini all’interno della trasmissione Parla con me, in onda su Rai3) Tarantino aveva detto: «voglio che passino dieci anni tra il secondo e il terzo film, per due motivi: primo perché io e Uma dobbiamo lasciarci per dieci anni, il lavoro è estremamente difficile quindi ci vuole una pausa decennale; il secondo motivo è perché io amo il personaggio della Sposa, lo amo veramente e credo che abbia meritato dieci anni di pace, si merita tranquillità con sua figlia…». Quel che è certo (oltre al fatto che la Sposa tornerà a combattere e Nikki, la figlia di Vernita Green, tornerà per cercare vendetta) – ed è lo stesso Quentin a confermarlo in questa nuova intervista – è che non si tratterà del suo prossimo progetto: «per il terzo capitolo di Kill Bill c’è ancora tempo. Me ne occuperò più avanti».
E la domanda allora è: qual è il suo prossimo progetto? Ma questo, per ora, non è dato a sapersi…

© RIPRODUZIONE RISERVATA