L’amore che resta è il titolo italiano di Restless, il nuovo film diretto da Gus Van Sant. La pellicola è un delicato racconto filmico del dramma sentimentale di due giovani. Lui, Enoch Brae (interpretato dall’esordiente Henry Hopper), è un ragazzo orfano di entrambi i genitori, chiuso nel suo piccolo mondo interiore popolato dalla strana presenza di un fantasma, una sorta di amico immaginario chiamato Hiroshi (Ryo Kase) con le fattezze di un pilota kamikaze giapponese della seconda guerra mondiale. Lei, Annabel Cotton alias Mia Wasikowska (vista in Alice in Wonderland e sempre dal 7 ottobre nei cinema anche con la nuova trasposizione di Jane Eyre), è una ragazza malata di cancro a cui non rimane molto da vivere. I due si incontrano ad una cerimonia funebre e, scoprendo nelle reciproche affinità un passato di comune sofferenza, inziano a frequentarsi. Annabel è affascinata dalla sensibilità e dalla complessa reazione alla perdita e al dolore del giovane. Mentre è proprio in questa fase dell’innamoramento che Enoch affronta la verità della crudele sorte a cui è destinata Annabel.

Gus Van Sant è con pochi altri registi  (Larry Clark, Gregg Araki e il maestro del cinema maistream anni ’80 John Hughes fra tutti) uno dei maggior cantori dell’universo giovanile americano. I suoi film, da Belli e Dannati a Elephant, fino al caustico e feroce Paranoid Park, raccontano al meglio i ragazzi nel passaggio tra l’età dell’adolescenza e quella adulta. E In L’amore che resta il regista non si smentisce, mettendo in scena una romantica e tragica storia d’amore tra due giovani. Restless è tratto da un racconto di Jason Lew (che del film firma anche la sceneggiatura), compagno di college dell’attrice Bryce Dallas Howard. Ed è proprio quest’ultima ad avere coinvolto l’amico nell’idea di un progetto diretto da Van Sant, per produrlo in collaborazione con il padre, il regista Ron Howard.

Guarda il trailer italiano:

Guarda la photogallery con le immagini estrapolate dal film e dal set:

(Fonte foto: Fusiondigital)

© RIPRODUZIONE RISERVATA