Diretto da Bill Condon, La Bella e La Bestia è certamente uno degli adattamenti live-action dei classici Disney più attesi. Raggiunto dai microfoni di Vanity Fair, proprio il regista ha parlato delle modifiche alla storia originale e della fatica in fase di produzione del film.

Condon ha spiegato che la Dinsey era molto restia all’idea di riadattare uno dei suoi più grandi film d’animazione in un musical live-action. Il regista dice di aver esclamato: «Con tutto il dovuto rispetto, ma credo voi siate pazzi! Le canzoni sono meravigliose, e voi davvero volete riadattare il film senza utilizzare “Stia con noi”?». Alla fine lo studio ha accettato, richiamando Alan Menken e Tim Rice per riproporre le tracce del cartone e scriverne di inedite.

Al regista è stato poi chiesto quali modifiche avesse apportato alla storia per rispecchiare una terza dimensione assente nell’originale: «Ci troviamo sempre nella povera cittadina provinciale di Belle intenti a placare una folla inferocita, che è un po’ il sogno di ogni fan di Frankenstein. Non direi che stiamo cambiando la storia, ma piuttosto che stiamo apportando dei collegamenti che prima non erano evidenti. Onestamente, ci sono moltissime persone che amano il cartone e il musical di Broadway, e hanno avuto 20 anni per analizzarli a fondo e trovare buchi o incongruenze. Abbiamo tenuto conto di tutti i feedback, tipo “Perché i paesani non sanno nulla di un castello che dista 1 miglio di distanza dal loro villaggio?”. Siamo partiti da questi punti per discuterne, quindi magari in alcuni momenti direte “bene, adesso si ragione”».

Infine Condon ha parlato della famosa scena del ballo: «È stata una delle prime sequenze che abbiamo girato, ed è stata magica. Crederete che un uomo può danzare!».

La Bella e La Bestia uscirà il 17 marzo 2017.

Fonte: Vanity Fair 

© RIPRODUZIONE RISERVATA