Non è un segreto che Jason Blum creda molto in La notte del giudizio. I primi due capitoli della saga sullo Sfogo annuale, che tinge la strade americane di sangue, hanno riscosso grande successo di pubblico (quasi 200 milioni di dollari in due) a fronte di un budget di produzione da cinema indipendente (3 milioni di dollari il primo e 9 milioni il secondo). Dalle atmosfere home invasion del film d’esordio con Ethan Hawke, James DeMonaco ha portato la storia per le strade, allargando la distopia in una giungla urbana in stile Guerrieri della notte di Carpenter. Le linee narrative da poter percorrere sono molteplici e il terzo episodio è stato ora confermato ufficialmente dallo stesso DeMonaco. Il regista e sceneggiatore ha confessato a Deadline: «Non avrei mai immaginato che The Purge sarebbe diventato un simile fenomeno, e sono felicissimo di continuare la collaborazione con Blumhouse, Platinum Dunes, e il grande team della Universal per trasformarlo in un franchise mondiale».

L’obiettivo è far uscire nelle sale The Purge 3 il prossimo anno. DeMonaco scriverà ancora la sceneggiatura, ma al momento non si sa se tornerà dietro la macchina da presa.

Fonte: Deadline

© RIPRODUZIONE RISERVATA