Leggi l’approfondimento completo su Best Movie di settembre

Daniel Radcliffe: DA HOGWARTS ALLA BEAT GENERATION

«So che non sarò mai scritturato per recitare in un ruolo à la Bruce Willis in Die Hard. Né ho il fisico adatto per interpretare James Bond… ma potrei benissimo recitare come sua nemesi». Chissà se il regista Sam Mendes accoglierà l’appello di Daniel Radcliffe e se vedremo mai l’ex Harry Potter duellare contro Daniel Craig o eredi. Certo è che la carriera del 24enne inglese non è mai stata tanto aperta a ogni possibilità quanto negli ultimi mesi. Dopo aver passato infanzia e adolescenza negli studi britannici di Leavesden (nonostante le sue stesse perplessità iniziali al riguardo: «Non so se arriverò mai fino alla fine della saga» commentava dopo i primi capitoli. «Magari diventerò troppo alto o brufoloso»), ormai entrati nella leggenda e trasformati in un museo, si è lanciato nell’horror con The Woman in Black e ha registrato il sold out a Broadway con il musical How to Succeed in Business Without Really Trying. In questi giorni si divide tra la Mostra del Cinema di Venezia e il Festival di Toronto, dove presenta le sue ultime fatiche: il biopic drammatico Giovani ribelli (nelle sale italiane dal 17 ottobre) e il thriller fantasy/horror Horns, destinato al passaggio canadese, diretto da Alexandre Aja e interpretato anche da Juno Temple. Nel primo (già presentato tra gli applausi al Sundance 2013), diretto dall’esordiente John Krokidas e accompagnato nel cast da Michael C. Hall, interpreta il poeta della Beat Generation Allen Ginsberg, alle prese con sostanze stupefacenti, amori gay e un misterioso omicidio. «È un film di cui vado molto orgoglioso. Tutti hanno mostrato un interesse quasi morboso per le scene d’amore maschile. Eppure ho semplicemente recitato, come avrei fatto se ci fosse stata una ragazza. Per quanto ne so, anche nella vita vera, innamorarsi e vivere questo sentimento da etero o da omosessuale è esattamente la stessa cosa. Si fa in fretta a descrivere il film come una love story gay, ma la verità è che raccontiamo semplicemente una love story». Una precisazione che sottolinea il già noto impegno di Radcliffe contro l’omofobia. D’altra parte, l’attore non ha mai reagito ai rumor sulle sue presunte relazioni omosessuali (circolate anche in seguito alla liaison, conclusasi nel 2012, con l’assistente di scena Rosie Coker): «L’omofobia è un problema sociale e voci di questo genere saranno sempre meno sensazionali perché la mia generazione e quelle successive dimostrano di essere meno bigotte dei loro padri». Più che per le inclinazioni sessuali, in effetti, Daniel ha sentito vicino il suo personaggio perché come lui anch’egli scrive poesie, sotto lo pseudonimo di Jacob Gershon.
L’amore, però, sembra una costante dei suoi prossimi progetti. Tra i più attesi ricordiamo anche la rom-com The F Word, in arrivo nel 2014, accanto a Zoe Kazan. Sarà un ragazzo che all’improvviso deve fare i conti con un sentimento crescente nei confronti di colei che fino a poco tempo prima era un’amica di lunga data.
Tutt’altra atmosfera, invece, farà da sfondo al nuovo adattamento di Frankenstein, ancora senza un titolo, che lo vedrà impegnato nei panni di Igor, mentre James McAvoy vestirà il ruolo dello scienziato.
E non è tutto. Dopo il successo della prima esperienza, durante la quale regalò ai fan una divertente parodia del collega Robert Pattinson, Radcliffe tornerà come doppiatore nella 25esima stagione de I Simpson.
Intanto, non smette di sognare per il suo futuro professionale e soprattutto umano, facendo fantasticare i fan: «Vorrei davvero avere dei figli. Sono cresciuto circondato da persone che li hanno, anche più giovani di me. Ho visto il meraviglioso cambiamento che li ha coinvolti. E sapete una cosa? Un giorno non mi dispiacerebbe tornare al cinema con Harry Potter, ma in un cameo, nel ruolo di suo padre».
Vi terremo aggiornati. […]

Leggi i profili di Emma Watson, Logan Lerman, Liam Hemsworth, Jennifer Lawrence, Asa Butterfield e Mia Wasikowska su Best Movie di settembre. E sfoglia la photogallery dei giovani divi.

Scopri gli aggiornamenti in diretta da Venezia 70

(Foto Getty Images)

© RIPRODUZIONE RISERVATA