Dopo avervi mostrato alcune foto dell’atteso sequel di Uomini che odiano le donne , intitolato La ragazza che giocava con il fuoco, ecco nuovi scatti inediti del film, tratto dalla trilogia di romanzi Millenium di Stieg Larsson, e il poster ufficiale italiano.
Questa volta, la protagonista Lisbeth Salander (Noomi Rapace) è ricercata per l’omicidio di due giornalisti, che stavano per pubblicare alcune rivelazioni sconvolgenti sul mercato del sesso in Svezia. Mentre tutti cercano la presunta omicida, il direttore della rivista Mikael Blomqvist (Michael Nyqvist) fa di tutto per trovare Lisbeth prima della polizia. Infatti, Blomqvist, che con la giovane ha avuto una breve ma intensa relazione, è convinto della sua innocenza. In questo capitolo veniamo a conoscenza anche dell’oscuro passato di Lisbeth, con ogni probabilità il motivo scatenante dei suoi atti di violenza a scopo di vendetta. Come ad esempio accadde nel primo episodio nei confronti del suo tutore criminale. Nel corso delle indagini, il direttore della rivista scopre infatti che la ragazza è stata internata in un istituto psichiatrico a 12 anni ed è stata dichiarata incapace all’età di 18 anni. La ragazza che giocava con il fuoco esordirà nelle sale italiane il 25 settembre 2009. Sotto, le foto del film.

Cliccate sulle foto per visualizzarle ad alta definizione

L’attrice svedese Noomi Rapace torna nelle vesti di Lisbeth Salander nel sequel
di Uomini che odiano le donne. Nella foto, la Salander mentre pulisce la sua revolver

Lisbeth Salander, in questo capitolo, verrà accusata di duplice omicidio

Nel corso delle sue indagini, Blomqvist (Michael Nyqvist) scopre anche alcuni tragici
e dolorosi eventi della vita di Lisbeth

Millennium è tratto dalla trilogia di romanzi di Stieg Larsson, che ha venduto
oltre 8 milioni di copie

Mikael Blomqvist (Nyqvist) è l’unico che non crede a quello che dicono i notiziari
sul conto di Lisbeth. Infatti lui tenterà in tutti i modi di arrivare a lei prima della polizia

Larsson, lo scrittore del romanzo da cui è stato tratto il film, non è vissuto abbastanza
per vedere il successo del suo lavoro, essendo morto all’improvviso nel 2004,
poco dopo aver consegnato il manoscritto all’editore svedese

Lisbeth Salander (Rapace) durante le sue indagini private

Lisbeth Salander (Rapace) sanguinante durante una sparatoria

Ricercata dalla polizia, Lisbeth Salander (Rapace) riesce a far perdere le sue tracce
in breve tempo

Poster de La ragazza che giocava con il fuoco

© RIPRODUZIONE RISERVATA