Con una Nomination ai Golden Globes come miglior attore in un film commedia, grazie a Deadpool Ryan Reynolds ha viso la sua carriera decollare definitivamente nei panni del Mercenario Chiacchierone della Marvel, anche se a quanto pare non c’è modo di fargli dimenticare il flop del 2011 con Lanterna Verde, ad oggi definito tra i peggiori cinecomic di sempre.

Parlando, infatti, con Entertainment Weekly, l’attore ha ricordato la cattiva accoglienza riservata al film di Martin Campbell, parlando del successivo flop ai botteghini e cercando di trovare una motivazione per quel disastroso film. Queste le sue parole: «Credo sia semplice: sapevamo perfettamente cosa fosse Deadpool (riferendosi al progetto), ma Lanterna Verde nessuno ha mai capito cosa fosse. Con questo non sto dicendo che le centinaia di persone che vi hanno lavorato non abbiano dato il 100% per rendere il film il più bello possibile. Credo che sia caduto vittima del processo di Hollywood, che prima rilascia il poster, poi fissa la data d’uscita e solo alla fine si occupa realmente della sceneggiatura».

L’attore conclude infine: «Per me si trattava di una grandissima opportunità ed ero davvero felice di prendere parte al progetto. Ci sarebbero troppe ragioni o giustificazioni da elencare, quindi mi limito a dire che semplicemente non ha funzionato».

Vi ricordiamo che la Warner Bros sta attualmente sviluppando un nuovo adattamento del fumetto DC dal titolo Green Lantern Corps, con un’uscita prevista per il 2020.

Fonte: EW

© RIPRODUZIONE RISERVATA