Cos’è che rende grande una serie tv? I personaggi, certo. La storia. La capacità degli autori di tenere gli spettatori incollati fino all’ultimo fotogramma di una puntata e di farli soffrire per un’intera settimana in attesa dell’episodio successivo. E poi magari gli effetti speciali, o l’originalità delle soluzioni narrative oppure… Oppure, non giriamoci intorno, quel minuto e mezzo circa che precede l’inizio di ogni puntata. Stiamo parlando, ci siete già arrivati leggendo il titolo del pezzo, della sigla, o “opening theme” se preferite un tocco di esterofilia: sono lontani i tempi in cui ogni telefilm veniva introdotto da un rapido montaggio di scene tratte dal telefilm stesso (sono anche lontani i tempi in cui li si chiamava “telefilm”, ma vabbe’), e ormai i credits iniziali di – sostanzialmente tutte – le serie migliori sono piccole opere d’arte, arrivando in certi casi (che per correttezza non nomineremo) a superare per qualità la serie stessa.

Come si fa, in un panorama così ricco e variegato, a scegliere quali siano le sigle più belle in circolazione, quelle indimenticabili e irrinunciabili e che passeranno alla storia della tv? E soprattutto, come si fa a separarle dal prodotto principale ed eleggere LA sigla per eccellenza senza pensare al telefilm? Non lo sappiamo per certo, ma vi assicuriamo che ci abbiamo provato, e quello che trovate qui è il risultato dei nostri sforzi: una selezione delle dieci sigle di telefilm più belle, innovative, geniali mai create. Per ciascuna abbiamo provato a spiegarvi il perché della nostra scelta: se non siete d’accordo o avete alte proposte, come sempre, commentate, qui o sulla nostra pagina Facebook!

Partendo dalla decima posizione scoprite la nostra classifica e, come sempre, dite la vostra!

© RIPRODUZIONE RISERVATA