Obiettivi puntati sul vecchio continente alle Giornate del Cinema Europeo, che inaugureranno la loro prima edizione il 18 settembre al Teatro Verdi di Firenze. Promossa dall’;Assessorato alle Politiche dell’;Unione Europea – Antenna Europe Direct del Comune di Firenze e dalla Fondazione Stensen, la manifestazione proseguirà per 10 giorni, fino al 28 settembre sotto la direzione artistica di Michele Crocchiola che ha spiegato la vocazione cosmopolita e comunitaria dell’evento: «Il festival è stato ideato anche su ispirazione del progetto Erasmus, servirà per creare un network di rapporti internazionali e locali, valorizzando il ruolo internazionale della città di Firenze e le diversità cinematografiche e culturali tra i diversi paesi europei, regalando così alla città l’inedita opportunità di vedere film e documentari altrimenti invisibili perché assenti dalla distribuzione italiana». Il programma delle Giornate del Cinema Europeo prevede la proiezione di circa 40 film tra film d’autore, documentari, animazione e cortometraggi ispirati alla varietà culturale tipica del nostro continente, e si strutturerà in quattro sezioni: Orizzonti Europei (con la presentazione di lungometraggi con tematiche economiche, politiche e delle istanze socio-culturali); Italia/Europa (dedicata al confronto delle sensibilità tra le due realtà e che prevede anche una retrospettiva dell’opera del regista fiorentino Corso Salani); Ritorno a Firenze (omaggio al cineasta danese Per Fly con la presenza dello sceneggiatore Mogens Rukov); I volti del Noir Francese (incentrata sugli attori che hanno fatto la storia del genere). Oltre alle proiezioni saranno organizzati numerosi eventi collaterali tra concerti all’aperto, incontri e workshop. L’accesso alle proiezioni è libero previo accreditamento acquistando l’abbonamento al costo di 5 euro. Per maggiori informazioni andate sul sito www.giornatecinema.eu

Al.Za.

© RIPRODUZIONE RISERVATA