Si è conclusa lo scorso sabato, con la consegna dei Pardi d’oro, la sessantasettesima edizione del Festival del film Locarno, il terzo festival più vecchio del mondo dopo Venezia e Cannes.

A giudicarsi l’ambito premio è stato il regista filippino Lav Diaz, con Mula sa kung ano ang noon (From What Is Before), definito il suo film più “accessibile”.

Si tratta di 338 minuti in bianco e nero basti sulle “mie memorie di infanzia” ha detto il regista, “sui due anni che hanno preceduto la legge marziale, uno dei periodi più bui della nostra epoca: un cataclisma. Tutto quello che vedete nel film viene dai miei ricordi: tutti i personaggi sono reali, ho solo cambiato i loro nomi”.

Si tratta di una vittoria “incredibile”, che ha lasciato il regista “senza parole”. Dopo aver ringraziato il direttore artistico Carlo Chatrian, il regista filippino ha voluto dedicare la sua opera a al padre “è stato lui a portarmi al cinema, ne è un vero dipendente, e ha fatto nascere in me questa passione. Questo film è anche per il popolo filippino, per la loro lotta; e poi vorrei dedicarlo a tutti i registi seri del mondo, a Pedro Costa, che è mio fratello e amo il suo lavoro, a Matias Pineiro, e a tutti i registi degli altri film in concorso”.

Pedro Costa è stato il vincitore del Pardo per la migliore regia, con il suo Cavalo Dinheiro, mentre i Pardi per miglior attrice e attore sono andati, rispettivamente, ad Ariane Labend (Fidelio, L’odyssée d’Alice) e a Artem Bystrov (Durak).

Schweizer Helden di Peter Luisi, uno dei due film svizzeri in concorso, è stato votato dal pubblico ed ha vinto il premio Piazza Grande (ogni sera la piazza principale di Locarno si trasforma nel cinema più grande d’europa, a ogni spetatore viene dato modo di giudicare il film che ha visto, il più votato è poi premiato).

Di seguito il Palmares completo:

CONCORSO INTERNAZIONALE
Pardo d’oro Mula Sa Kung Ano Ang Noon (From What Is Before) di Lav Diaz, Filippine

Premio speciale della giuria Listen Up Philip di Alex Ross Perry, Stati Uniti

Pardo per la miglior regia Pedro Costa per Cavalo Dinheiro, Portogallo

Pardo per la miglior interpretazione femminile Ariane Labed per Fidelio, L’odyssée D’alice di Lucie Borleteau, Francia

Pardo per la miglior interpretazione maschile Artem Bystrov Per DURAK (The Fool) di Yury Bykov, Russia

Menzione speciale Ventos De Agosto di Gabriel Mascaro, Brasile

CONCORSO CINEASTI DEL PRESENTE
Pardo d’oro Cineasti del presentePremio Nescens Navajazo di Ricardo Silva, Messico

Premio speciale della giuria Ciné + Cineasti del presente Los Hongos di Oscar Ruiz Navia, Colombia/Francia/Argentina/Germania

Premio per il miglior regista emergente La Creazione Di Significato di Simone Rapisarda Casanova, Canada/Italia

Menzione speciale Un Jeune Poete di Damien Manivel, Francia

OPERA PRIMA
Pardo per la migliore opera prima Songs From The North di Soon-Mi Yoo, Stati Uniti/Corea del Sud /Portogallo

Menzione speciale Parole De Kamikaze di Sawada Masa, Francia

PARDI DI DOMANI
Concorso internazionale
Pardino d’oro per il miglior cortometraggio internazionalePremio SRG SSR

Abandoned Goods di Pia Borg e Edward Lawrenson, Gran Bretagna

Pardino d’argento SRG SSR per il Concorso internazionale Shipwreck di Morgan Knibbe, Paesi Bassi

Nomination di Locarno agli European Film Awards – Premio Pianifica Shipwreck di Morgan Knibbe, Paesi Bassi

Premio Film und Video Untertitelung Hole di Martin Edralin, Canada

Menzione speciale Muerte Blanca di Roberto Collío, Cile

Concorso nazionale
Pardino d’oro per il miglior cortometraggio svizzeroPremio Swiss Life Totems di Sarah Arnold, Francia

Pardino d’argento Swiss Life per il Concorso nazionale Petit Homme di Jean-Guillaume Sonnier, Svizzera

Premio Action Light per la miglior speranza svizzera Abseits Der Autobahn di Rhona Mühlebach, Svizzera

PRIX DU PUBLIC UBS
Schweizer Helden di Peter Luisi, Svizzera

VARIETY PIAZZA GRANDE AWARD
Marie Heurtin di Jean-Pierre Améris, Francia

© RIPRODUZIONE RISERVATA