L’accusa di abusi da parte di Evan Rachel Wood nei confronti dell’ex fidanzato Marilyn Manson ha sollevato un polverone sul cantante. L’attrice di Westworld aveva dichiarato sui suoi social media di aver subito, fin da adolescente, manipolazioni costanti da parte della rockstar. E altre cinque donne si sono unite alle accuse, raccontando tutte di relazioni morbose con il cantante, che le avrebbe manipolate per sottometterle.

Evan Rachel Wood lo definisce “un uomo pericoloso”: accuse pesantissime alle quali ora Marilyn Manson ha risposto, in un post sul suo profilo Instagram. «Ovviamente, la mia arte e la mia vita hanno sempre attirato le polemiche come calamite, ma queste recenti accuse su di me sono orribili distorsioni della realtà. Le mie relazioni intime sono sempre state del tutto consensuali e con partner dalla mentalità affine alla mia. A prescindere da come – e perché – altri stiano ora scegliendo di distorcere il passato, questa è la verità».

Le accuse all’attore, comunque, hanno già avuto una conseguenza diretta sul suo lavoro: le serie American Gods e Creepshow hanno deciso di prendere le distanze da Marilyn Manson. La rockstar era comparsa in due episodi di American Gods 3, ma ora la produzione rimuoverà la presenza di Manson dal restante episodio nel quale era prevista. Sempre sul loro profilo Twitter, i produttori di Starz hanno infatti dichiarato: «Starz è inequivocabilmente dalla parte delle vittime degli abusi. A causa delle accuse mosse contro Marilyn Manson, abbiamo deciso di rimuovere la sua performance dall’ultimo episodio in cui è presente, che avrebbe dovuto andare in onda più avanti in questa stagione».

La stessa posizione è stata presa anche da AMC che ha eliminato la presenza di Marilyn Manson dalla seconda stagione dell’antologia horror Creepshow. Non solo: l’etichetta discografica che produce gli album del cantante, la Loma Vista Recordings, ha deciso di non lavorare più con Manson per i suoi progetti futuri.

Foto: Scott Wintrow/Getty Image

© RIPRODUZIONE RISERVATA