Star Wars: Episodio IX

Per Mark Hamill il ruolo di Luke Skywalker è quello che, come si suol dire, gli è valso l’intera carriera. Tornarci a 40 anni di distanza dall’arrivo nei cinema di Una nuova speranza non deve essere stato affatto semplice. Di fatto, tolto il cameo in cui appare per pochi secondi al termine di Episodio VII, Star Wars – Gli ultimi Jedi sarà il primo film in cui vedremo un nuovo Luke, visibilmente provato e invecchiato, tornare in azione. E per l’attore ritrovare il mood giusto per portare sullo schermo questo nuovo Skywalker non è stata una passeggiata.

Come riportato dallo stesso Hamill in alcune dichiarazioni a Entertainment Weekly, l’attore – per entrare alla perfezione nel personaggio – si è immaginato un’intera backstory con tutto quello che è accaduto al suo Luke dall’ultimo istante in cui l’abbiamo visto festeggiare la sconfitta dell’Impero al termine di Il ritorno dello Jedi, fino alla sua ricomparsa nel film diretto da Rian Johnson.

«Gli attori amano le backstory, perché sono perfette per darti una motivazione, e sono una lavagna vuota a tua disposizione», ha raccontato Hamill. «Ovviamente se si pensa a Star Wars oggi non si tratta più della storia di Luke, non è più la “mia” storia, quindi quello che ha fatto o non ha fatto in questi anni non è molto rilevante per il pubblico, ma lo è stato per me, per capire meglio il personaggio». 

In realtà ai fan di Star Wars importa eccome di quanto accaduto a Luke, solo che LucasFilm ha deciso di decanonizzare tutto quello che è stato pubblicato sul suo conto, riducendolo alla categoria di “leggenda”.

Ma veniamo alla storia: «Ho immaginato molti scenari, in uno di questi Luke si innamorava di una vedova che aveva già un figlio piccolo», racconta l’attore, «e in seguito decide di abbandonare l’ordine per sposarsi e accudire il piccolo. Ma un giorno il bambino prende in mano la spada laser e accidentalmente rimane ferito a morte. Ho immaginato questa backstory drammatica e devastante ispirandomi alle tragedie di cui spesso si sente parlare,  in cui dei bambini rimangono uccisi accidentalmente maneggiando le armi da fuoco dei genitori. Avevo bisogno di qualcosa di molto oscuro e angosciante per rendere al meglio questo nuovo Luke con i toni giusti».

Hamill ha poi confermato di essersi confrontato con il regista e sceneggiatore Rian Johnson: «Ne ho parlato giusto per assicurarmi che nulla del mio personaggio e di quello che avevo in mente fosse in conflitto con la sua visione, lui è stato entusiasta a riguardo e mi ha incoraggiato nel continuare a trovare strumenti per giustificare le azioni del mio personaggio in questo film. Come ho già detto però la faccenda relativa all’abbandono degli Jedi e al matrimonio è una finzione. Non è mai accaduto ufficialmente».

Star Wars – Gli ultimi Jedi arriverà nelle sale domani, 13 dicembre. Leggi qui per scoprire il gadget esclusivo di Star Wars che Best Movie regala a chi sottoscrive un abbonamento al mensile

Fonte: Entertainment Weekly

Foto: © Lucasfilm/Ram Bergman Productions/Walt Disney Pictures

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA