Il National Film Registry è uno degli archivi più prestigiosi in campo cinematografico, perché incorona i film, cortometraggi e documentari più importanti dal punto di vista culturale, estetico o storico: ogni anno viene aggiornato con 25 titoli che hanno fatto la storia della settima arte, e che entrando nel registro, diventano ufficialmente patrimonio da preservare. Quest’anno è toccato, tra gli altri, a Mary Poppins e Pulp Fiction, due pellicole amatissime da pubblico e critica. Insieme al classico Disney e al cult di Quentin Tarantino, però, a ricevere l’onorificenza sono stati anche Gilda, il noir con Rita Hayworth, I magnifici sette, Chi ha paura di Virginia Woolf?, Il pianeta proibito, capolavoro sci-fi del 1956, e Roger & Me, il primo documentario girato da Michael Moore.

Qui di seguito, la lista completa:

  1. Bless Their Littler Hearts (Bill Woodbery, 1984)
  2. Brandy in the Wilderness (Stanton Kaye, 1969)
  3. Cicero March (Film Group, documentario, 1966)
  4. Daughter of Dawn (Norbert A. Myles, 1920)
  5. Decasia (Bill Morrison, documentario, 2002)
  6. Ella Cinders (Alfred E. Green, 1926)
  7. Il pianeta proibito (Fred M. Wilcox, 1956)
  8. Gilda (Charles Vidor, 1946)
  9. The Hole (John e Faith Hubley, 1962)
  10. Vincitori e vinti (Stanley Kramer, 1961)
  11. King of Jazz (John Murray Anderson, 1930)
  12. The Lunch Date (Adam Davidson, corto, 1989)
  13. I magnifici sette (John Sturges, 1960)
  14. Martha Graham Early Dance Films (1931-1944)
  15. Mary Poppins (Robert Stevenson, 1964)
  16. Men and Dust (Lee Dick, 1940)
  17. La signora di mezzanotte (Mitchell Leisen, 1939)
  18. Notes on the Port of St. Francis (Frank Stauffacher, documentario, 1951)
  19. Pulp Fiction (Quentin Tarantino, 1994)
  20. Un uomo tranquillo (John Ford, 1952)
  21. Uomini veri (Philip Kaufman, 1983)
  22. Roger & Me (Michael Moore, documentario, 1989)
  23. A Virtuous Vamp (David Kirkland, 1919)
  24. Chi ha paura di Virginia Woolf? (Mike Nichols, 1966)
  25. Wild Boys of the Road (William A. Wellman, 1933)

Fonte: Deadline

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA