C’era una volta un titolo: Maschi contro femmine. I film che ho scritto (e qualche volta diretto) iniziano sempre dal titolo, che spesso è anche il concept della storia. Dunque la guerra dei sessi, terreno fertilissimo. Avevo voglia di fare commedia pura dopo la malinconia di Ex, il mio ultimo film. Primo problema da affrontare era la sceneggiatura. Ho scritto sempre i miei film con i fidati Marco Martani e Massimiliano Bruno. Più me il conto fa tre maschi – zero femmine. Difficile scrivere un copione equilibrato e super partes sull’eterno conflitto. Abbiamo allora cercato una femmina che bilanciasse la sfida. La scelta è caduta su Valeria Di Napoli, in arte Pulsatilla, autrice del bestseller supercomico La ballata delle prugne secche. Una sceneggiatrice alle prime armi contro tre navigati scrittori sembra uno scontro impari solo per chi non conosce Valeria e la sua verve femminile e femminista. Abbiamo capito subito di aver fatto centro. Valeria si è inserita presto nel nostro iter di lavoro che prevede una vita in comune per diversi mesi tra chiacchiere e appunti scritti su un’infinità di post-it colorati sul muro. Dopo qualche giorno la nostra nuova compagna di scrittura lanciò una provocazione: «Perché Maschi contro femmine e non Femmine contro maschi?». A nulla servì la mia pallida difesa: «Smettila, il modo di dire è così, maschi contro femmine». In breve tempo capimmo che non era solo una questione di titolo, ma l’inversione era una inversione di concept. E che si potevano scrivere due film diversi ma gemelli. Il primo sui difetti dei maschi, il secondo su quelli delle femmine.
Nel primo maschi traditori, misogini, puttanieri, giocherelloni, nel secondo femmine manipolatrici, pettegole, autolesioniste e rompicoglioni. L’idea è stata subito raccolta dai nostri produttori Fulvio e Federica Lucisano e sposata da 01 Distribution e Medusa. Sì, avete letto bene, Maschi contro femmine sarà distribuito da 01 Distribution il 29 ottobre, Femmine contro maschi l’11 febbraio da Medusa. Nessun messaggio politico stile par condicio, ma semplicemente due distribuzioni concorrenti che per una volta decidono di correre insieme.
Abbiamo cominciato a scrivere scegliendo una struttura particolare: quattro storie intrecciate per film e film intrecciati tra loro, con i protagonisti del primo che recitano in piccoli ruoli nel secondo e viceversa. Tanto per far capire bene il tema avevo deciso che il primo film si sarebbe aperto con la citazione scritta di una battuta dell’immenso Massimo Troisi (tratta da Pensavo fosse amore e invece era un calesse): «Io credo che, in particolare, un uomo e una donna siano le persone meno adatte a sposarsi tra di loro». Otto mesi dopo avevamo le sceneggiature pronte ed iniziavo il casting.

Per leggere il resto del diario dal set scritto in esclusiva per Best Movie da Fausto Brizzi correte a comprare la rivista. Best Movie di agosto è già in edicola.

brizzi1











Un ciak di Maschi contro femmine. Dietro, si riconosce una delle protagoniste del grande cast corale: Sarah Felberbaum, presto anche ne Il gioiellino di Andrea Molaioli

brizzi2













Giorgia Wurth è già stata diretta da Fausto Brizzi in Ex: era la giovane fidanzata di Claudio Bisio

brizzi4













Nicolas Vaporidis, “eroe” delle NOtti prima degli esami di Brizzi, insieme a Chiara Francini, vista in Tutti pazzi per amore 2

brizzi5





























Paolo Ruffini. volto di Mtv da anni prestato al cinema (prima i cinepanettoni con Neri Parenti, di recente il capolavoro di Paolo Virzì La prima cosa bella). alle prese con un comico frullato

brizzi6





























Carla Signoris… ti fa un mazzo tanto. Anche lei era nel cast corale di Ex, dove era moglie di Silvio Orlando

brizzi7













Anche il matrimonio è ovviamente campo di battaglia per la guerra dei sessi: chiedetelo a Fabio De Luigi e Lucia Ocone

© RIPRODUZIONE RISERVATA