«Penso che non siate ancora pronti per questo, ma ai vostri figli piacerà»: e piacerà anche ai padri, visto che lo show che due giorni fa ha visto protagonista Michael J. Fox e la sua chitarra è di quelli che, a modo loro, passeranno alla storia.

Nel corso di A Funny Thing Happened On The Way To Cure Parkinson’s, ovvero l’evento benefico annuale organizzato dall’attore americano per finanziare la ricerca contro il Parkinson, il fu Marty McFly della trilogia di Ritorno al futuro è salito sul palco imbracciando la sua fedele Gibson e, accompagnato da Joan Jett (anche lei un mito del mondo della musica, visto che faceva parte delle Runaways), ha suonato “Johnny B. Goode” di Chuck Berry. Ovvero il pezzo protagonista della scena-clou del primo Ritorno al futuro, quando Marty sconvolge le folle al ballo della scuola con un anacronistico e devastante pezzo rock.

Venticinque anni fa, Michael J. Fox non sapeva neanche da che parte si tenesse una chitarra, tanto che per la scena del ballo fu una band a eseguire la canzone mentre lui suonava in playback. Oggi, invece, l’attore, affetto dal morbo di Parkinson, ha imparato il brano, e si sente. Lo show, che potete vedere qui sotto, è ancora più significativo se pensate che Michael è malato ormai dal 1991: nonostante la grave malattia che lo sta lentamente consumando, il suo entusiasmo, la sua ironia e la sua voglia di vivere farebbero invidia a molte persone presunte “sane”. (Foto GettyImages)

Michael J. Fox insieme a Joan Jett


Qui sotto il video dell’esibizione

Ecco la scena originale del film

© RIPRODUZIONE RISERVATA