Si è conclusa ieri, con un ottimo bilancio, la XIV edizione del Milano Film Festival, la kermesse cinematografica prodotta dalla società culturale esterni e sostenuta dal Comune di Milano, insieme a diversi sponsor, tra cui Amiacque. Per dieci giorni, a partire dall’11 settembre, il capoluogo lombardo è stato il fulcro del “nuovo” cinema, ospitando due concorsi internazionali (uno di lungometraggi e uno di cortometraggi) con film provenienti da oltre 90 Paesi diversi. I vincitori di quest’anno sono stati il lungo giapponese, Tobira no muko di Laurence Thrush, e il corto israeliano Regila di Asaf Saban. Ma il più acclamato è stato il corto svedese Istallet for abracadabra di Patrik Eklund, che si è aggiudicato i premi del pubblico, degli studenti e la menzione speciale della giuria dei cortometraggi. Le competizioni, insieme alle rassegne alle alle retrospettive dedicate a Ermanno Olmi e al regista israeliano Avi Mograbi e alle inziative collaterali (come i concerti e le rassegne fuori concorso), hanno fatto registrare una grande partecipazione di pubblico. Sono stati 30 mila, infatti, i biglietti staccati e 4 mila gli abbonamenti acquistati. Un successo, che fa ben sperare per le prossime edizioni della manifestazione, come auspicano i due direttori, Lorenzo Castellini e Beniamino Saibene, che in occasione della cerimonia delle premiazioni hanno sottolineato: «La risposta del pubblico c’è, bisogna crederci e soprattutto investire: più finanziamenti, più investimenti, un cambio delle strategie culturali. Questo ci auspichiamo per il prossimo anno».

Ma ecco tutti i premi assegnati quest’anno:

Miglior Lungometraggio
Tobira no muko di Laurence Thrush

-Menzione speciale giuria lungometraggi
Futoko di Naito Takatsugu

-Miglior Cortometraggio
Regila di Asaf Saban

-Menzione speciale giuria cortometraggi
Skizhein di Jérémy Clapin
Istallet for abracadabra di Patrik Eklund

Premio Aprile (attribuito dal comitato di selezione al film che meglio rappresenta lo spirito del Festival)
Galetten di John Hellberg

Premio del Pubblico (al film che riceverà il maggior numero di monete da parte del pubblico)
Istallet for abracadabra di Patrik Eklund

Premio Focus animazione
Deconstruction workers di Kajsa N?ss

Premio dello Staff
Skizhein di Jérémy Clapin

Premio della giuria degli Studenti
Istallet for abracadabra di Patrik Eklund

Ecco due immagini dei film che hanno vinto come Miglior Lungo e Miglior Corto:

Il giapponese Tobira no muko di Laurence Thrush, Miglior lungometraggio

L’israeliano Regila di Asaf Saban

© RIPRODUZIONE RISERVATA