Dopo l’accelerata della produzione dopo il successo di Mission Impossible: Rogue Nation, le riprese del sesto capitolo del franchise con protagonista Tom Cruise sembravano essere ormai impostate per iniziare a gennaio 2017, ma a quanto pare, come riporta oggi l’Hollywood Reporter, la pre-produzione di Mission Impossible 6 è stata momentaneamente fermata per beghe contrattuali proprio con Cruise, anche produttore del film.

Infatti, come scrive anche il sito, il problema risiederebbe su alcune pretese dell’attore in merito alla percentuale dei profitti, colpevoli di non essere in linea con quanto ha ottenuto in casa Universal per il reboot de La Mummia. Deadline, invece, riporta che la Paramount aveva già assunto una ventina di persona a Londra per occuparsi della fase pre-produttiva, per poi rimandarle a casa proprio a causa della trattative per il contratto di Cruise in aggiunta a quelle con la Bad Robot di J.J. Abrams e con la Skydance, alle quali sarebbe stato richiesto un taglio nei compensi.

Problemi simili difficilmente hanno ritardato in modo significativo la tabella di marcia produttiva, anche se ricordiamo che già nei mesi passati c’erano stati rimandi a causa dello script di Christopher McQuarrie, anche regista del film.

Mission Impossible 6 vedrà il ritorno nel cast anche di Simon Pegg, Jeremy Renner e Rebecca Ferguson.

Fonte: THR

© RIPRODUZIONE RISERVATA