Sarà il 14 il numero che quest’anno farà rima con “amore”. Uscirà il 30 ottobre 2009, distribuito da Medusa, Amore 14, il nuovo film di Federico Moccia, tratto dal suo romanzo omonimo edito da Feltrinelli. Moccia ha deciso di raccontare una storia d’amore tra quattordicenni, in quella “terra di mezzo”, che è l’ultimo anno delle scuole medie. La produzione sta finendo di girare il film in queste settimane a Roma (riprese anche a Sabaudia, che è stata teatro del finale del film). Siamo stati su uno dei set del film, a Roma, in una splendida villa del Settecento, scenario della festa “epica” di una ragazza molto ricca a cui partecipano le protagoniste del film.
Segnatevi questi nomi, perché se Amore 14 promette di rinverdire i successi di Tre metri sopra il cielo (il romanzo di Moccia, diventato poi un film di Luca Lucini), loro potrebbero diventare i nuovi Riccardo Scamarcio e Katy Louise Saunders. Il nuovo Step si chiama Massi, ed è il bello della scuola: ha il volto di Giuseppe Maggio, 16 anni, riccioli ribelli e lineamenti decisi, studente al Liceo classico Mamiani di Roma. La nuova Babi è Carolina detta Caro, interpretata dalla diciannovenne Veronica Olivier (nella foto, insieme al regista Moccia), lunghi capelli biondi e tratti nordici. Al suo fianco ci sono le sue amiche, la dolce Clod (Flavia Roberto) e la “mean girl” Alis (Beatrice Flammini), bella, ricca e vanitosa. Ma nel cast c’è anche Raniero Monaco di Lapio, alto, biondo e occhi blu, che molti ricorderanno per la sua partecipazione al Grande Fratello 7. È Rusty James, scrittore ribelle e fratello di Carolina. Carolina è la protagonista e la voce narrante del film, ha un rapporto conflittuale con i genitori ed è molto sensibile. In una libreria incontra Massi, che diventerà il suo grande amore. Moccia si è ispirato a una figura letteraria, al protagonista de Il giovane Holden, tramutandolo in una ragazza dei nostri giorni. «Mi piaceva mostrare come la scuola prepari i ragazzi a molte cose, ma non alle delusioni della vita», ci ha spiegato Federico Moccia, che ha voluto «raccontare una delusione, perché a questa età è sempre probabile». Preparatevi a tirare fuori i fazzoletti, allora, perché a quattordici anni le storie d’amore non sempre sono a lieto fine.

Veronica Olivier e Federico Moccia sul seti di Amore 14

© RIPRODUZIONE RISERVATA