Mortal Kombat, il film di Simon McQuoid ispirato alla leggendaria saga di videogame, arriva finalmente in home video in Italia. A partire dal 30 giugno sarà disponibile per l’acquisto digitale sulle principali piattaforme streaming, mentre dal 7 luglio uscirà anche in DVD, Blu-ray, 4K UHD e Steelbook 4K UHD.

Mortal Kombat racconta una battaglia cruenta e senza esclusione di colpi che spinge i protagonisti al limite. Diretto dal regista australiano Simon McQuoid al suo debutto nel cinema, nasce sotto l’ala di James Wan, il regista di The Conjuring e Aquaman, che compare in veste di produttore.

Il cast internazionale spazia fra attori dal mondo del cinema, volti noti della televisione e campioni di arti marziali come Lewis Tan (Deadpool 2, Wu Assassins) nel ruolo di Cole Young, Jessica McNamee in quello di Sonya Blade e Joe Taslim (Star Trek Beyond) nei panni di Bi-Han e Sub-Zero.

Leggi QUI la scheda di Mortal Kombat

La sinossi ufficiale:

Il campione di MMA Cole Young, abituato a scontrarsi con chiunque per soldi, è ignaro della sua eredità, e del motivo per cui l’arcistregone dell’Outworld, Shang Tsung, abbia inviato il suo miglior guerriero Sub-Zero, un Criomante ultraterreno, a dargli la caccia. Temendo per la sicurezza della sua famiglia, Cole va alla ricerca di Sonya Blade, che è sotto la direzione di Jax, Maggiore delle Forze Speciali che porta anche lui sulla pelle lo stesso marchio del drago con cui Cole è nato. Presto si ritrova nel tempio di Lord Raiden, Antico Dio e Protettore di Earthrealm, che garantisce rifugio a coloro che portano il marchio come il suo. Qui, Cole si allena con i guerrieri esperti Liu Kang, Kung Lao e l’implacabile mercenario Kano, per prepararsi a combattere con i più grandi campioni della Terra, contro i nemici dell’Outworld, in una battaglia in cui è in gioco il destino dell’universo. Riuscirà Cole ad essere abbastanza motivato da scatenare il suo arcana – l’immenso potere custodito nella sua anima – in tempo, non solo per salvare la sua famiglia, ma anche per fermare l’Outworld una volta per tutte?

© RIPRODUZIONE RISERVATA