Paolo Villaggio

Si è spento a 84 anni Paolo Villaggio: se ne va una dei talenti comici più rappresentativi e iconici della storia del cinema italiano, capace di entrare nell’immaginario di più generazioni con i suoi personaggi graffianti, esilaranti, puntualmente emblematici. L’attore, scrittore, sceneggiatore e doppiatore genovese è entrato nella leggenda per aver dato vita, oltre a interpretarlo, il personaggio del ragionier Ugo Fantozzi, protagonista di nove romanzi e dieci film: una maschera divenuta con gli anni sempre più imprescindibile per l’immaginario collettivo e l’identità del nostro paese.

Talento di razza, paradossale e straniante, grottesco e irriverente, aveva recitato anche con Fellini, Ferreri, Olmi e Monicelli, dato vita a una galleria di ruoli memorabili (il professor Kranz, Giandomenico Fracchia) e ricevuto importanti riconoscimenti, come Il Leone d’oro alla carriera a Venezia nel 1992 e il Pardo d’onore al Festival di Locarno nel 2000.

Villaggio era ricoverato da giorni al Policlinico Gemelli, dove si è spento questa notte.

La notizia del decesso è stata data, su Facebook, dalla figlia Elisabetta.

Leggi anche: L’occhio del ragioniere. Un pensiero per Paolo Villaggio

Fantozzi va in Paradiso: addio al ragioniere più amato d’Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA