Angelina Jolie prima e dopo la cura di Robert Zemeckis. Dopo aver trasformato Tom Hanks nel capotreno di Polar Express il regista della saga cult Ritorno al futuro e Cast Away si è avvalso nuovamente della tecnica della “3D motion capture” per l’adattamento di Beowulf, il più antico poema epico di lingua anglosassone, in uscita il 16 novembre. La sexy Angelina è stata trasformata nell’immagine virtuale della terribile madre del mostro Grendel grazie a una speciale tuta che catturava i suoi movimenti inviandoli a un computer. “Digitalizzati” per l’occasione anche Ray Winstone, nel ruolo del protagonista l’impavido Beowulf, Anthony Hopkins (Re Hrothgar) e John Malkovich (Unferth).
testo2

© RIPRODUZIONE RISERVATA