Accolto con entusiasmo alle premiere di Tokyo, New York e Londra (di cui qualche giorno fa abbiamo pubblicato alcuni scatti) Le cronache di Narnia: Il principe Caspian ha riscosso il favore anche del Vaticano alla presentazione svoltasi organizzata dal Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali e dalla Filmoteca Vaticana. Il film, molto apprezzato dalla curia presente alla proiezione “soprattutto per i valori positivi che contiene”, segue Il Leone la strega e l’armadio, primo capitolo della saga con protagonisti i fratelli Pevensie, finiti attraverso la porta di un armadio nella terra fantastica di Narnia. Come il primo, anche Il principe Caspian è l’adattamento di uno dei celebri romanzi fantasy di C.S. Lewis, scrittore e filologo irlandese vissuto a cavallo tra il XIX e il XX secolo. La sua vita (raccontata peraltro nel film Viaggio in Inghilterra con Anthony Hopkins nel ruolo dello scrittore) fu segnata da un profondo cambiamento con la conversione in età adulta al cristianesimo, che spiega la lettura allegorica che dei suoi romanzi si può fare. I riferimenti teologici che si possono individuare ne Le cronache di Narnia sono molti e inseriti in maniera del tutto naturale, come Lewis stesso spiegò: “è cominciato tutto con delle immagini. L’immagine di un fauno, un fauno che porta un ombrello, una regina su una slitta, un magnifico leone. All’inizio non c’era nulla di cristiano in essi, questo elemento si inserì successivamente di suo proprio accordo ». Un forte rimando è quello all’atto della creazione biblica con la descrizione della nascita del mondo straordinario e senza tempo di Narnia: scaturito dal canto del suo re, il grande leone Aslan. O ancora quello del sacrificio estremo che quest’ultimo compie ne Il leone la strega e l’armadio immolandosi per salvare Narnia dalla minaccia della malvagia Strega Bianca, intenzionata a impadronirsi di tutto. Nel nuovo capitolo, che arriverà nelle sale italiane giovedì 14 agosto distribuito da Walt Disney Studios Motion Pictures, i fratelli Pevensie tornano a Narnia a distanza di mille anni e la trovano dominata dai Telmarini e governata dal perfido Re Miraz, che ha sterminato quasi tutte le creature magiche. Una speranza risiede in Caspian, nipote di Miraz che, udito narrare i racconti della vecchia Narnia decide di fuggire dal castello e tentare di riportarla al suo antico splendore.

Al.Za.

© RIPRODUZIONE RISERVATA