Neve in Costa Azzurra! Ieri, un manto candido ha ricoperto le strade di Cannes, dove una carrozza trainata da cavalli ha portato davanti all’hotel Carlton i protagonisti di A Christmas Carol (Canto di Natale) di Robert Zemeckis. Il film approderà in Italia il 20 novembre in 3D-motion capture (la stessa tecnica già sperimentata dal regista con Beowulf, che però solo pochi fortunati riuscirono a vedere nella versione tridimensionale nelle pochissime sale attrezzate nel 2007), ma ieri il cast ha iniziato la campagna promozionale in occasione del Festival di Cannes, la kermesse cinematografica giunta ormai agli ultimi cruciali giorni di gara. L’autore della pellicola, Jim Carrey (insieme alla compagna Jenny McCarthy), Colin Firth e Robin Wright Penn (che fa parte anche della giuria che assegnerà la Palma d’oro). Sotto potete vedere l’intervista al regista e agli attori protagonisti le foto dell’arrivo in carrozza e di Carrey (che sarà Ebenezer Scrooge) che si diverte a lanciare palle di neve. Ma gli obiettivi dei paparazzi si sono concentrati anche altrove, sulla Croisette. Ieri, il regista inglese Ken Loach ha presentato la sua commedia dolceamara Looking for Eric. Il film, che racconta l’amicizia immaginaria tra un postino caduto in depressione (Steve Evets) e l’ex calciatore del Manchester United, Eric Cantona (che ha recitato nei panni di se stesso), ha divertito e appassionato la platea. Mentre Vincere di Marco Bellocchio (che sarà ufficialmente proiettato oggi) non ha convinto del tutto la stampa specializzata, che ha visionato la pellicola ieri in anteprima. Il film è l’unico rappresentante italiano in gara e racconta la storia d’amore segreta tra Benito Mussolini (Filippo Timi) e Ida Dalser (Giovanna Mezzogiorno), che diede alla luce uno dei figli del Duce. Il lavoro di Bellocchio è il favorito numero uno alla vittoria, secondo un bookmaker inglese. Oggi è in gara anche Pedro Almodovar con il suo Los abrazos rotos, mentre domani sarà la volta di Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino e Les herbes folles di Alain Resnais.
© RIPRODUZIONE RISERVATA