La serie tv fantascientifica Ai confini della realtà, creata da Rod Serling (nel frame sopra mentre introduce l’episodio nel corso della sigla) e mandata in onda negli USA in tre diversi periodi a partire dagli anni ’60, presto tornerà sui grandi schermi grazie alla Appian Way, la compagnia di produzione cinematografica di Leonardo DiCaprio, già al lavoro su un adattamento cinematografico (il primo uscì nel 1983 sotto la regia di Joe Dante, John Landis, Steven Spielberg e George Miller) del popolare serial, che diede vita a numerosi spin off tra serial televisivi, radiofonici e fumetti. La sceneggiatura è nelle mani di Jason Rothenberg il quale, diversamente dal passato in cui i fili conduttori del plot erano quattro, sta sviluppando la trama su un’unica storyline. Nonostante sia considerato di genere fantascientifico, Ai confini della realtà focalizza la sua attenzione su personaggi dalle vite normali alle prese con l’incontro con l’ignoto, che cambierà radicalmente la loro esistenza. La Warner Bros, che ne ha acquistato i diritti, ha recentemente proposto la regia al regista di Inception Christopher Nolan, ma sta comunque tenendo in considerazione anche altri grandi nomi, tra cui Alfonso Cuaron (Harry Potter e il prigioniero di Azkaban), Michael Bay (Transformers), David Yates (regista di quattro film della saga di Harry Potter) e Rupert Wyatt (L’alba del pianeta delle scimmie). Nolan è attualmente al lavoro con la realizzazione del terzo film di Batman, Il cavaliere oscuro – il ritorno, e se dovesse rifiutare l’offerta a causa di incompatibilità di date, Michael Bay si è già detto “molto intrigato” da questo nuovo progetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA