Durante un’intervista rilasciata a Collider per promuovere il suo Gangster Squad, Josh Brolin ha avuto modo di parlare anche di un altro film che lo vede protagonista: il remake firmato Spike Lee di Oldboy, nuovo adattamento cinematografico del revenge movie di Park Chan-wook, vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes 2004. L’attore ha inziato spiegando quanto gli sia piaciuta lavorare sul set: «Ho amato New Orleans. Mi sono innamorato di Spike Lee, del direttore della fotografia Shane Bobbit, che ha lavorato anche a Shame e Hunger, e di Lizzie Olsen (Elizabeth Olsen, protagonista del film insieme a lui). Se una volta montato insieme, il film si avvicinerà anche di poco alla mia esperienza sul set, allora il risultato sarà davvero ottimo».

Il discorso, poi, si è spostato sul film nello specifico e Brolin ha sottolineato come la versione di Lee non sia una semplice copia dell’originale: «La sola richiesta che ci ha fatto Park Chan-wook è stata di non rifare il suo film. E noi stessi non avevamo alcun interesse nel farlo. I due film hanno la stessa struttura, ma poi noi sviluppiamo tutto in modo diverso. Spike mi ha fatto vedere un breve montaggio di 4 minuti per farmi vedere il tono generale del film – continua Brolin –. Non che ne avessi bisogno: non mi sentivo smarrito. Comunque mi ha dato questo filmato dicendomi semplicemente “Non guardarlo finché non arrivi a casa”. L’ho guardato ed è stato fantastico, una vera e propria ispirazione».

L’attore ricorda anche il prologo del film, che lo vede rinchiuso in una stanza d’albergo: «Abbiamo fatto riprese molto lunghe nella stanza del motel dove sono imprigionato e la sequenza avrà una durata tra gli otto e gli undici minuti. Stavamo lì e io facevo quello che mi passava per la testa. Me ne stavo lì seduto, nudo in questa stanza, col regista che prima di iniziare mi diceva: “Ok, sei in questa stanza da 13 anni. Ora recita”. E per dieci minuti facevo quello che mi veniva in mente. Alcune cose erano davvero sciocche, inutilizzabili nel film, altre invece sono state più interessanti».

Durante l’intervista c’è un’altra sequenza che viene tirata in ballo per sottolineare le differenze tra questa versione americana e il film originale, ed è la celebre scena d’azione nel corridoio: «Non abbiamo copiato nulla, tranne il fatto di girarla con una sola inquadratura. Questa è l’unica somiglianza. E poi J. J. Perry, che ha coordinato i combattimenti, ha fatto un lavoro strepitoso».

Oldboy arriverà in Italia il 24 ottobre 2013.

(Fonte: Collider)

© RIPRODUZIONE RISERVATA