Gli Oscar 2016 continuano a far parlare di sé non tanto per il talento dei candidati, ma per il fatto che per il secondo anno consecutivo, tutti e 20 gli attori nominati siano bianchi. Una cosa, questa, inaccettabile per Spike Lee e per Jada Pinkett Smith, che hanno annunciato il loro forfait della cerimonia prevista il 28 febbraio.

La presidentessa dell’Academy si è detta «frustrata e amareggiata», e a quanto pare fa proprio bene a esserlo, dato che la lista dei divi che si oppongono alla celebrazione aumenta ogni giorno di più. L’ultimo nome che ha confermato la sua assenza? Chiaramente, il marito della Jada Pinkett, ovvero Will Smith, che ha dichiarato così in una recente intervista su ABC: «Ho sentito le sue parole, e son stato felice di esser sposato con quella donna. Se non siamo parte della soluzione, allora siamo parte del problema». E questo problema, secondo l’attore, non riguarda lui o qualcuno in particolare, bensì «quei bambini che si siederanno, guarderanno lo show e non si sentiranno rappresentati».

Pure Mark Ruffalo, nominato come Miglior Attore Non Protagonista per Il caso Spotlight, potrebbe tirare bidone alla festa. Svela l’interprete alla BBC: «Mi sono svegliato la mattina e ho pensato, “Qual è la maniera giusta per affrontare tutto questo?”. Perché se guardi all’eredità di Martin Luther King, ciò che diceva era che le persone buone che non reagiscono sono molto peggiori delle persone che errano scegliendo appositamente di non reagire perché non conoscono la via buona».

Insomma, come finirà questa faccenda? Altre star si uniranno alla “lotta”? Lo scopriremo, forse, nel corso dei prossimi giorni.

Fonte: Deadline

© RIPRODUZIONE RISERVATA