Scopri tutto sugli Oscar 2015 visitando la nostra sezione

È già tempo di guardare agli Oscar 2016. Sì, perché il primo, grande cambiamento rispetto all’edizione di quest’anno potrebbe riguardare i candidati a Miglior film. Nel 2009 i titoli in concorso sono stati raddoppiati da 5 a 10, ma l’Academy, come sottolinea The Hollywood Reporter, sta prendendo in seria considerzaione l’idea di tornare alla cinquina.

Le ragioni dietro al primo provvedimento risalgono al 2008, quando Il cavaliere oscuro venne – con non poca sorpresa – omesso dalle nomination. L’Academy, dunque, pensò bene che aumentare il numero dei concorrenti avrebbe potuto ampliare lo spettro di scelta, rendendo la competizione più avincente anche al televoto. A sei anni di distanza, però, i dati d’ascolto della cerimonia non hanno subito l’impennata sperata e Hollywood oggi è perplessa. E ha buoni motivi di esserlo: l’edizione di quest’anno, l’87esima, ha registrato gli indici di ascolto più bassi degli ultimi 6 anni. Solo il confronto con il 2014 parla chiaro: 36,6 milioni di spettatori contro 43,7 milioni. È un calo del 16%, sebbene al televoto lo show di Neil Patrick Harris sia stato il più seguito proprio dall’86esima edizione.

Un rinnovamento, anche se un po’ anacronistico, è necessario, e l’Academy se n’è resa conto.

Fonte: THR

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA