Alle Giornate Professionali di Sorrento, il tradizionale appuntamento autunnale durante il quale le principali distribuzioni italiane presentano il proprio listino per l’anno nuovo agli esercenti, le danze sono state aperte dalla Universal. L’occasione è da sempre ghiotta perché tra i molti trailer e le clip mostrate al pubblico di addetti ai lavori compaiono spesso cotenuti ancora inediti, ovvero non approdati in rete.

Ed è stato proprio questo il caso di Pain and Gain, la action comedy con Mark Whalberg e Dwayne Johnson ambientata nel mondo dei body builder e diretta da Michael Bay, che in attesa di dedicarsi ai suoi prossimi progetti ad altissimo budget (leggi Transformers 4 e il film delle Ninja Turtles) si è regalato un progetto più piccolo, un buddy movie che lo riporta indietro ai tempi di Bad Boys.
Dalla lunga clip mostrata a Sorrento, in pratica un trailer esteso, si vede come il regista di The Island si confermi un vero e proprio “autore pop”, fedele fino al paradosso alle sue manie, a partire dalla predilezione per i colori accesi e saturi, per le scene al tramonto, per le feste in piscina, e per le ragazze in bikini. In Pain and Gain i suoi vezzi registici sembrano però acquisire soprattutto sfumature comiche, per esempio con un uso insistito della slow motion che accentua e prolunga i momenti più grotteschi.

La storia, raccontata dalla clip in flashback, è quella di un culturista (Whalberg) che campa facendo il trainer in una grande palestra della costa occidentale. Passa le giornate allenandosi con gli amici di sempre e prendendosi cura del fisico di donne obese e ricchi annoiati. La sua frustrazione per un’esistenza tanto monotona lo porta a cercare una possibile alternativa nel sequestro di uno dei suoi clienti, un miliardario che ha il volto di Tony Shalhoub (il Monk televisivo). Per portare a termine l’impresa, nel solco comico dei Soliti Ignoti (ma in versione extralarge…), chiede aiuto a un timidissimo gigante della sua palestra, interpretato da Dwayne Johnson.

Il film è una specie di esperimento extra-franchise, che vorrebbe giovarsi soprattutto del talento comico di Mark Whalberg e Johnson, e della iper-esposizione di quest’ultimo, in arrivo con ben 4 pellicole (ci sono anche G.I.Joe 2, Fast And Furious 6 e Snitch). Il livello di grottesco da queste prime immagini sembra davvero alto, e il successo al botteghino tutt’altro che scontato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA