Avrà inizio il prossimo 8 marzo la nuova edizione del Bergamo Film Meeting, il festival fondato nel 1983 dal giornalista Sandro Zambetti con lo scopo di favorire la conoscenza e la diffusione della cultura cinematografica sul territorio locale e nazionale. In programma fino al 16 marzo, prevede 9 giorni di proiezioni in cui verranno presentati 70 film, tra corti e lungometraggi: la sezione principale della manifestazione, da 25 anni luogo ideale per la scoperta e il lancio di nuovi autori, propone quest’anno 8 film di recente produzione, inediti per gli schermi italiani, in competizione per l’assegnazione della Rosa Camuna d’;oro, d’;argento e di bronzo. Verranno inoltre proiettate circa 20 pellicole nell’ambito della retrospettiva René Clair – Il periodo sonoro, un’incursione nel mondo dell’autore che meglio ha impersonato lo spirito del cinema francese e della Francia tout court. Attenzione alta anche sul contemporaneo Julio Medem, regista basco creatore di un cinema visionario profondamente radicato nella cultura del suo paese e di cui verranno proposti 10 titoli; infine, un omaggio a Freddie Francis, il regista e direttore della fotografia inglese noto come “il maestro delle ombre” che, scomparso di recente, verrà ricordato attraverso i suoi 13 film più significativi. Per maggiori informazioni visitate il sito www.bergamofilmmeeting.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA