[UPDATE: un portavoce ufficiale ha smentito, aggiungendo che la produzione ha approfondito la vicenda e le minacce sono risultate infondate. Anche la polizia ha detto di non aver ricevuto segnalazioni]

A lanciare lo scoop è sttao il quotidiano inglese The Sun, secondo il quale un tassista – dopo aver ascoltato una conversazione in taxi – avrebbe sventato il rapimento dell’attrice Emma Watson.

La star 25enne sta girando il remake Disney di La Bella e la Bestia a Londra e sarebbe stata presa di mira da due addetti alle pulizie degli studios originari dell’Europa dell’Est. Ovviamente si è creato il panico e sono state rafforzate le misure di sicurezza sul set.

L’autista capiva la lingua dei potenziali rapitori, così ha ascoltato in silenzio e poi ha avvisato i responsabili degli Shepperton Studios di Londra. «Emma è già stata vittima di qualche stalker – ha detto una fonte anonima – e per questo c’è stata molta preoccupazione».

In realtà, il quotidiano concorrente The Mirror ha subito smentito la notizia e parlato di falsità. Ma di certo ora la Watson è sotto controllo 24 ore su 24.

Non è la prima volta che l’attrice britannica è oggetto di minacce: nel 2011, infatti, mentre studiava alla Brown University negli Usa, ricevette lettere minatorie che la costrinsero a prendere una guardia del corpo a tempo pieno, mentre l’anno scorso un fan ossessionato da Emma piombò all’improvviso sul set del film Noah, obbligando la produzione ad interrompere le riprese.

Fonte: The Sun

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA