La vita di Roman Polanski? Praticamente un film. Lo ha del resto confessato lui stesso più volte, portando sullo schermo alcuni momenti della sua vita: uno su tutti l’infanzia nel ghetto di Varsavia descritta ne Il pianista. E non poteva che partire da qui il film che il regista e attore messicano Damian Chapa ha pensato di dedicare alla storia del suo celebre collega polacco. La pellicola, che dovrebbe intitolarsi semplicemente Polanski e risulta come “non autorizzata”, racconterà i momenti salienti della vita del regista: dall’infanzia segnata dalla tragedia dell’Olocausto, appunto, all’omicidio della moglie Sharon Tate nel 1969 ad opera della setta di Charles Manson, fino al processo per abuso di minori che ancora non gli permette di toccare il suolo statunitense. Ora non resta che il compito più arduo: trovare l’interprete giusto per la parte…

© RIPRODUZIONE RISERVATA