«La California sta sprofondando!!». Un concitato John Cusack telefona ad Amanda Peet, a casa tranquilla con marito figlio e figlia. Lei gli risponde: «Sembri un pazzo, richiamami quando ti sarai calmato». Pochi secondi dopo si scatena l’inferno. E un dispiego di effetti speciali mai visti prima, che fanno prenotare una nomination per quest’ultimi ai prossimi Oscar per il regista di origini tedesche, ma ormai di casa ad Hollywood, Roland Emmerich (suoi altri catastrofic-movie come Godzilla, Indipendente Day e L’alba del giorno dopo). Il film è 2012 e se ne possono vedere in Rete da oggi i primi cinque minuti. La pellicola si basa sull’avverarsi di un’antica profezia dei Maya secondo cui il mondo finirebbe nell’anno che dà il titolo al film. Il mondo, sì. Infatti, come dice anche Cusack nel film, nella pellicola non è la sola California a inabissarsi nelle acque dell’Oceano, ma l’intero pianeta, che viene prima scosso da fortissimi tremiti che fanno crollare tutto il crollabile per poi implodere e sprofondare tutto nelle profondità della stessa Terra.
Nella clip è possibile vedere l’incipit della storia, con la fuga rocambolesca di Cusack e Pet & family prima in macchina poi su un biplano. Quelli che saranno poi tra i pochi sopravvissuti al disastro osservano dal privilegiato punto di vista di chi è scampato al pericolo il mondo sfracellarsi davanti ai loro occhi. Altre immagini della situazione in altre nazioni ci fa intravedere per pochi secondi, ad esempio, un impressionante Cristo Redentore, statua-simbolo di Rio de Janeiro, che si spezza e cade. Nel cast del film anche Woody Harrelson, Thandie Newton, Oliver Platt e Danny Glover.
Il film è in arrivo anche sui nostri schermi il prossimo 13 novembre.

Ecco la clip:

© RIPRODUZIONE RISERVATA