Un cast stellare, Ridley Scott dietro la macchina da presa e una storia che si pone alle origini della saga di Alien. Stiamo parlando di Prometheus, uno degli sci-fi più attesi dei prossimi anni, con Michael Fassbender, Charlize Theron, Noomi Rapace, Guy Pearce, Patrick Wilson e Idris Elba. Solitamente quando si parla di Prometheus non si sa bene cosa aspettarsi, a partire dalla trama del film (ancora poco chiara) e se sarà o meno un prequel di Alien. In attesa di una sinossi ufficiale e di vedere un primo teaser trailer, lo sceneggiatore Damon Lindelof (Lost) ha deciso di soddisfare parte della nostra curiosità svelando nuovi dettagli sui personaggi interpretati da Michael Fassbender e Charlize Theron. «[Michael Fassbender] è un robot. Ad evocare Blade Runner sarà il fatto di poter guardare il film dal punto di vista dell’androide. Se poteste domandargli “Cosa ne pensi di tutto questo? Cosa ne pensi di questi umani che ti girano intorno?” Non sarebbe grandioso se potesse rispondere a queste domande?», e continua, «Il personaggio di Charlize Theron si chiamerà Meredith Vickers ed è una sorta di membro di una compagnia. Questo è un altro punto in comune con i film di Alien – ci sono interessi di una compagnia in gioco. Secondo me Charlize ha dato nuovo respiro, realizzando una sorta di remix. Non penso che sia viscida [come il personaggio di Paul Reiser in Aliens – Scontro finale]. La domanda che ruota attorno a lei e che rende interessante il suo personaggio è “Quale faccia della compagnia rappresenta?”. Durante la stesura dello scipt, Charlize ha avuto delle idee grandiose e originali».

Per il momento l’unica trama diffusa in Rete è un piccolo assaggio pubblicato sul canale ufficiale del film. A quanto pare Prometheus segue le avventure spaziali di un gruppo di esploratori, che scoprono un indizio legato alla scomparsa e alla origini del genere umano sulla Terra. La rivelazione conduce il team in un viaggio verso le oscure profondità dello spazio. Lì dovranno fronteggire una spaventosa battaglia per difendere il futuro della nostra razza.

(Fonte: Collider; Facebook)

© RIPRODUZIONE RISERVATA