Sono quattro i film italiani che si sono aggiudicati un posto nella top 100 dei film europei che nel 2014 hanno attirato più spettatori nei cinema dei Paesi extra-europei: La grande bellezza, La migliore offerta, Neverlake e Fairytale.

Nella classifica, che vede in testa i film francesi seguiti dai britannici, il film di Paolo Sorrentino (prodotto da Indigo Film) arriva in 26ma posizione, quello di Giuseppe Tornatore (prodotto da Paco Cinematografica) in 40ma, mentre Neverlake di Christian Bisceglia e Ascanio Malgarini e Fairytale di Riccardo Paoletti (entrambi prodotti da One More Pictures) sono il numero 80 e 94. I dati provengono dal rapporto dell’Osservatorio dell’audiovisivo del Consiglio d’Europa che analizzata la quota di mercato che i film europei hanno avuto al di fuori dell’Europa l’anno scorso.

Secondo l’osservatorio nel 2014 sono stati proiettati 589 film europei in almeno uno dei 12 mercati analizzati, cioè Canada, Stati Uniti, Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Messico, Venezuela, Australia, Nuova Zelanda, Cina e Corea del Sud. Di questi, 183 sono francesi, 120 britannici, 63 spagnoli, 49 tedeschi e 31 italiani. Nel 2014 i film europei hanno fatto vendere 82 milioni di biglietti e incassato 496 milioni di euro al botteghino.

I film francesi, soprattutto grazie all’enorme successo di Lucy il film di Luc Besson, sono stati quelli con più spettatori (50% del totale), seguiti dai britannici (28%) e dai tedeschi (7%). Vengono poi i film spagnoli con quasi 3 milioni di biglietti venduti, seguiti da belgi, italiani, russi e danesi, a pari merito con 1 milione e 300 mila spettatori, seguiti dai film finlandesi e irlandesi.

Il mercato dove i film europei hanno più successo è quello degli Stati Uniti (27,4 milioni di biglietti venduti), dove  il numero più elevato di pellicole europee. Al secondo posto per numero di biglietti venduti c’è la Cina (15 milioni e mezzo), che tuttavia è il posto dove vengono distribuiti meno film europei (appena 22 contro i 188 negli Usa). Gli altri mercati dove i film Ue vendono bene sono Messico, Corea del Sud e Brasile.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA