Siete pronti a tornare nel regno di Oz insieme a Dorothy, Toto, lo Spaventapasseri, il Boscaiolo di Latta e il Leone?
Ebbene sì, gli indimenticabili protagonisti de Il mago di Oz, capolavoro prima letterario e poi cinematografico (merito di Judy Garland, la diva di Hollywood che per prima, 70 anni fa, ha dato il volto a Dorothy), stanno per tornare in una nuova avventura ispirata al libro Dorothy of Oz, scritto da Roger S. Baum, pronipote di L. Frank Baum, autore del romanzo originale: The Wonderful Wizard of Oz, classe 1900.
La Alpine Pictures, in collaborazione con Box Office Productions III, LLC, sta infatti lavorando a questo nuovo film musicale e d’animazione, Dorothy of Oz appunto, che, seguendo le orme del suo predecessore e con la fantasia che lo contraddistingue, è destinato a diventare un nuovo amatissimo classico e a conquistare milioni di fan (e pure di dollari).
Collider ha pubblicato oggi in Rete il poster del film e le prime immagini, dando anche alcune importanti e inedite anticipazioni sulla trama. La pellicola dovrebbe uscire negli Stati Uniti nell’aprile 2011.
Il regno di Oz è in pericolo e i suoi abitanti hanno nuovamente bisogno dell’aiuto di Dorothy, che, grazie all’aiuto di Glinda, la Strega Buona del Sud, ritorna ad Oz con il suo fedele e inseparabile cane Toto. Insieme a “vecchi” (lo Spaventapasseri – che avrà la voce di Dan Aykroyd –, il Boscaiolo di Latta e il Leone – doppiato da James Belushi –) e nuovi amici, come la nave parlante Tugg e il gufo Wiser, goloso di melassa, Dorothy intraprenderà un pericoloso viaggio per cercare di fermare Jester (a dargli la voce sarà Martin Short), che impossessatosi della bacchetta magica della defunta Strega Cattiva dell’Ovest, minaccia di trasformare tutti gli abitanti del regno in burattini. Ma gli ostacoli non mancheranno, e infatti Dorothy incapperà in un insidioso labirinto, una sorta di caverna abitata da draghi affamati e governata da un incantesimo che potrebbe distruggere la Strada di mattoni gialli…
L’avventura (e la fantasia) continua…

Sotto, il poster e l’art work del film:

© RIPRODUZIONE RISERVATA