Benvenuti – meglio, bentornati – su quello che sta diventando il set più maledetto della storia. Parliamo di Robin Hood di Ridley Scott, attualmente in lavorazione oltremanica: già si è detto dei ritardi di produzione, dei cambiamenti nel cast (Russell Crowe, che avrebbe dovuto interpretare la doppia parte dell’arciere più famoso d’Inghilterra e dello sceriffo di Nottingham, ora veste solo i panni del primo), della “cacciata” di Sienna Miller (troppo giovane e bella per stare accanto a Crowe: al suo posto, nel ruolo di Lady Marian, Cate Blanchett). A pochi giorni dall’annuncio dell’ultimo ingresso nel cast (Matthew Macfadyen, il Mr. Darcy di Orgoglio e pregiudizio con Keira Knightley, che qui darà volto al perfido sceriffo), l’ennesima brutta notizia minaccia la produzione: la sceneggiatura di Brian Helgeland (poi rivista da Paul Weeb, Ethan Reiff e Cyrus Voris) non convince il regista, che avrebbe affidato al premio Oscar Tom Stoppard (quello di Shakespeare in Love) il compito di riscriverla. Ritardando ancora di più la già tribolatissima lavorazione della pellicola. I produttori ringraziano…
© RIPRODUZIONE RISERVATA