Dopo aver fatto esplodere il mondo intero (ricordate 2012?), Roland Emmerich si dedica a un soggetto meno catastrofico ma più delicato: l’identità di William Shakespeare, il più importante poeta e drammaturgo inglese. Come è possibile che un ragazzo senza istruzione abbia scritto opere teatrali e sonetti? Semplice: non le ha scritte lui, dicono alcuni. La storia è esplosiva (appunto), e infatti Emmerich la racconterà in Anonymous, atteso per fine ottobre. Arruolato un cast di stelle inglesi (Vanessa Redgrave, David Thewlis, Rhys Ifans). Emmerich racconterà la vicenda di Edward de Vere, presunto “ghost writer” del bardo.

La prima foto di Anonymous


© RIPRODUZIONE RISERVATA